Contro la violenza sulle donne: ogni giorno

Contro la violenza sulle donne: ogni giorno

La violenza sta dilagando contro donne di tutte le età ed estrazione sociale. Non vogliamo che le notizie rimangano "punte di spillo", ferite che provocano dolore e indignazione, poi ognuno riprende la sua quotidianità senza poterlo in qualche modo arginare. Occorre soprattutto agire sul piano dell’educazione delle giovani generazioni e agire insieme.

Il Progetto "Punte di spillo" ha interessato 30 Istituti di Istruzione Superiore della Toscana per due anni e adesso si conclude a Roma nella Sala della Regina di Montecitorio, il giorno 11 gennaio alle ore 11.
Partecipano i rappresentanti degli studenti, accompagnati dai docenti e dirigenti delle scuole che hanno realizzato elaborati sul tema della violenza sulle donne.
Il femminicidio è un fenomeno complesso e diffuso più di quanto appaia, investe l’intera comunità e va affrontato come vera e propria piaga sociale, soprattutto agendo sul piano dell’educazione delle giovani generazioni, alimentando una cultura del rispetto, della parità e della legalità, che sola può prevenirla. Più che sulla informazione il Progetto ha cercato di far leva sulla sfera emotiva, usando l’intreccio di diversi linguaggi per coinvolgere emotivamente il pubblico.

Punte di spillo” è stato proposto dal Soroptimist Club Firenze Due, insieme al Comitato di Firenze della Società “Dante Alighieri”, che hanno avuto come partner l’Associazione “Artemisia”, l’Associazione culturale “Firenze al Femminile”, il Soroptimist Firenze, col patrocinio della Regione Toscana, della Direzione Scolastica Regionale, del Comune di Firenze.

Azioni effettuate durante gli anni scolastici 2015-2016 e 2016-2017
- rappresentazione della performance Ottavia
- spedizione a tutte le scuole superiori della Toscana del dvd Ottavia;
- le classi che hanno aderito al progetto, dopo aver visionato il dvd, si sono incontrate con personale specializzato fornito gratuitamente dal Soroptmist club Firenze Due e da Artemisia, centro per l’accoglienza di donne in pericolo;
- gli studenti sono stati sollecitati a produrre materiale vario sul tema;
- in seguito gli specialisti hanno raccolto e selezionato gli elaborati che durante questo evento saranno presentati.

Programma
- Saluti istituzionali
On. Susanna Cenni – On. Maria Teresa Amici, Sottosegretaria ai rapporti con il Parlamento,
On. Flavia Piccoli Nardelli, Presidente della Commissione Cultura, Patrizia Salmoiraghi, Presidente Nazionale del Soroptimist International Club d’Italia, Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana.

Seguiranno
- Interventi degli Studenti 
- Performance per voci, action painting, ensemble e nastro magnetico
OTTAVIA
testo di Sandra Landi
musica di Attilia Kiyoko Cernitori
Sandra Landi voce recitante Maria Elena Romanazzi voce
Ludwig Ceravolo percussioni Attilia Kiyoko Cernitori violoncello e flauto dolce
Alice Notarangelo violino Desirée Scuccuglia pianoforte 
Cinzia Fiaschi action painter 
Tommaso Dini regia del suono
Maria Elena Romanazzi regia

Ottavia è un breve e delicato racconto di una delle tante violenze che le donne hanno subito e subiscono.
Siamo negli anni ’50 e le giovani generazioni sognano una nuova vita dopo la tragedia della guerra. La performance si dispiega in un reciproco interrogarsi di musica e narrazione, fino a provocare l’intervento pittorico.
L’Action painting di Cinzia Fiaschi interpreta i colori del racconto; così i diversi linguaggi dialogano e si fondono in un filo che avvolge e stupisce, in un sentire comune che si fa partecipazione.
L’emotività avvolge il pubblico dischiudendosi in rappresentazione ed energia di vita. Noi tutte protagoniste di questo Progetto, insieme, qualsiasi età abbia la nostra giovinezza, vogliamo rispondere alla violenza e alla morte di troppe donne, cercando una nuova vita nell’art.