Giovedì 21 Giugno 2018
Percorso > Home > Informazioni > Università

Università

Separatore grafico
Separatore grafico
Il manicomio invisibile: tre giorni sulla salute mentale con i collettivi di Medicina e Psicologia
[ 13-03-2018 ]

In occasione del 40esimo della legge n.180 i collettivi Codice Rosso, della facoltà di Medicina, e Laboratorio 15, della facoltà di Psicologia, propongono un percorso di analisi critica e di discussione sui grandi temi sviluppati da Basaglia, dalla sua equipe e da quel particolare momento storico.

La chiusura dei manicomi, la lotta alla contenzione, la deistituzionalizzazione del percorso di cura sono fondamenti necessari per la comprensione dell’attualità e delle contraddizioni della salute mentale oggi. Come studenti di Psicologia e Medicina sentiamo la necessità di reintrodurre questi temi nel nostro percorso formativo, perché crediamo che ci sia ancora molto da fare al riguardo, sia per quanto riguarda l’applicazione della legge stessa, ad oggi rimessa alle influenze delle singole realtà territoriali, sia rispetto alla tendenza persistente di stigmatizzazione e criminalizzazione del disagio psichico.”

L’iniziativa si svilupperà su tre giornate 13, 14 e 16 marzo 2018.
In apertura la facoltà di Psicologia in via della Torretta 16, alle 14.30, ospiterà un dibattito sugli aspetti storici e politici dello sviluppo della legge n.180. Gli interlocutori presenti saranno Peppe dell’Acqua, psichiatra e collaboratore di Franco Basaglia e Patrizia Guarnieri, storica e docente di Storia culturale e sociale.

Il secondo incontro invece offre uno sguardo sull’attualità, per conoscere quali sono oggi le strutture sanitarie adibite alla cura di coloro che soffrono di disagio psichico e per approfondire il ruolo dello psicologo nella sanità pubblica. Interverranno Walter Ciardo, primario di psichiatria dell’ospedale Santa Maria Annunziata (Ponte a Niccheri), un rappresentante dell’Ordine degli psicologi della Toscana, Kevin Nicolini (associazione Franco Basaglia di Trieste), Andrea Pozza e Nicoletta Giaquinta (psicologi AIDET). I Chille de la Balanza ci ospiteranno negli spazi di San Salvi a partire dalle ore 15.30, per poi guidarci, alle ore 21, nella passeggiata- spettacolo “C’era una volta…il manicomio”.

Il filo conduttore della terza giornata saranno le criticità legate alle pratiche contenitive ancora oggi in uso, quali l’abuso di TSO e la contenzione meccanica e chimica. La discussione si terrà nuovamente in uno spazio universitario - Plesso di Scienze della Formazione in Via Laura 48, Aula 11- alle ore 15.30, insieme a Vito D’Anza, psichiatra e direttore del DSM di Pistoia, e Piero Cipriano, psichiatra e autore della Trilogia della Riluttanza (“Il manicomio chimico”, “La fabbrica della cura mentale” e “La società dei devianti”).

Il percorso si concluderà con uno stage teatrale tenuto da Chille de la Balanza e dal titolo “E tu slegalo subito” con la realizzazione di una performance che si svolgerà domenica 18 marzo ore 21. L’esperienza vuole far acquisire la conoscenza di sé e la consapevolezza del proprio essere intorno ad un tema di forte valenza sociale come il superamento della contenzione. Il testo teatrale si basa sull’omonimo scritto di Giovanna del Giudice sulla storia di Giuseppe Casu, morto nel 2006 dopo essere stato legato mani e piedi per sette giorni consecutivi nell’SPDC di Cagliari.

Link all’evento facebook: https://goo.gl/pH9WoJ

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)