Domenica 25 Giugno 2017
Percorso > Home > Webzine > Cinema

Cinema

Separatore grafico
Separatore grafico
British 100 Film Festival: ''The third man'' con Orson Welles in versione restaurata al Cinema Odeon
[ 22-05-2017 ]

Lunedì 22 Maggio, alle ore 21.00, il Cinema Odeon Firenze in Piazza Strozzi, in occasione del British 100 Film Festival, presenta "The third man- il terzo uomo", il capolavoro di Carol Redd del 1949 con Orson Welles in versione restaurata originale con sottotitoli in italiano.

Un film emblematico su un'Europa disorientata, sconvolta dalla Seconda guerra mondiale, che cerca i propri punti di riferimento lungo le strade della Guerra fredda. In superficie, la Vienna in cui approda Holly Martins (Joseph Cotten) all'inizio del film è nettamente divisa in quattro zone dagli Alleati vittoriosi, ma sotto l'apparenza scorrono le fogne, il cui labirinto disegna una seconda geografia della città. In realtà, Vienna è una no man's land cosmopolita, uno spazio incerto in cui le tracce si perdono e le certezze si confondono, il regno dei tradimenti e dei malintesi. Nessuno o quasi è colui che dice di essere o che sembra.
E poi c'è Orson Welles, che due anni prima aveva firmato con il produttore Alexander Korda un contratto per tre film da realizzare e/o interpretare. Seguono vari progetti, nessuno dei quali va in porto, finché Korda propone a Welles il ruolo di Harry Lime, per il quale il coproduttore David O. Selznick avrebbe preferito Noël Coward. La parte è piuttosto esile (appena una decina di giorni di riprese nelle strade di Vienna e in teatro di posa a Londra), ma Welles ha bisogno di soldi per finanziare il suo Othello e ha capito che Lime, anche se appare solo nella seconda parte del film, resta il personaggio decisivo, colui di cui parlano tutti gli altri anche quando non è presente sullo schermo. La sua sarà in effetti una creazione memorabile, un angelo caduto cinico e miserabile. Un doppio ambiguo che gli resterà incollato per una decina d'anni, sia alla radio sia alla televisione. Ma il film di Reed e le immagini di Krasker saranno per Welles una fonte di ispirazione visiva, identificabile tanto in Rapporto confidenziale quanto in L'infernale Quinlan e Il processo

Info: www.odeonfirenze.com

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)