Percorso > Home > Webzine > Giovani Reporter

Giovani Reporter

Separatore grafico
Separatore grafico
Firenze ospiterà la Coppa del Mondo 2018 di Quidditch
[ 15-12-2017 ]

La fantasia diventa realtà con la Coppa del Mondo 2018 di Quidditch a Firenze, dal 27 Giugno al 2 Luglio 2018. Nato nella Scuola di magia e stregoneria di Hogwarts, il Quidditch è lo sport principe della saga di Harry Potter, il mago nato dalla penna della scrittrice britannica J. K. Rowling. Le squadre di maghi e streghe, a cavallo delle loro scope volanti, competono per la vittoria, decretata dalla cattura del mitico "Boccino d'Oro".

Il gioco, dai connotati visibilmente fantastici, è stato trasformato in una vera, reale, disciplina sportiva nel 2005. Partendo dagli Stati Uniti, il Quidditch ha ottenuto e sta ottenendo un successo sempre maggiore, tanto che la IQA (International Quidditch Association), conta al 2017 18 nazionali, con diverse altre che chiedono di entrare a farne parte. Questo sport riunisce in sé alcuni principi delle più diverse discipline sportive, dal dodgeball al rugby, dalla corsa alla pallamano. Può essere definito uno sport completo in virtù dell'attenzione che viene data da esso all'allenamento sia delle braccia che delle gambe, sicuramente è uno sport di grande fisicità.

Per farci spiegare meglio cosa è il Quidditch abbiamo intervistato Mattia Guido, studente fiorentino all'Università di Siena e giocatore della squadra "Siena Ghibellines Quidditch Club". Chiedendogli il motivo per il quale ha cominciato a praticare questa disciplina, Mattia ci ha detto: "Ero un giocatore di baseball a San Casciano, in Provincia di Firenze. Studiando a Siena e volendo tenermi in forma, cercavo qualcosa che non fosse semplice corsa, e un amico mi parlò del Quidditch. Mi piacque subito ed adesso è un anno che gioco". Questo sport è però immaginato da tutti come fantastico, non o difficilmente replicabile nella realtà, ma ciò non è vero. Il Quidditch ha le sue regole, che Mattia ci ha spiegato: "In ogni squadra, e ce ne sono diverse in Italia, ci sono sette giocatori in una rosa di ventuno, divisi in quattro ruoli. Ci sono portieri e cacciatori che giocano con la 'proof', una palla da pallavolo, e devono lanciarla dentro gli anelli, che sono tre per ogni parte. I battitori giocano invece con le palle da dodgeball, dette 'bolidi?: chi viene colpito da questi deve scendere dalla scopa, che è un tubo in pvc da un metro, e deve tornare ai suoi anelli, ed è quindi fuori dal gioco da quel momento in poi. Al diciasettesimo minuto entra il 'Boccino', che è un giocatore 'neutro' e deve stare in campo solo un minuto. Il 'Boccino' altro non è che un calzino con all'interno una palla da tennis, legato dietro la sciena del giocatore. I cercatori, che sono uno per squadra, devono cercare di prendere il boccino, e, se ci riescono, fanno guadagnare trenta punti alla squadra e decretano la fine della partita. Finché però il 'Boccino' resta in campo, la partita continua". Abbiamo poi chiesto a Mattia perché gli piace il Quidditch, e ci ha detto: "Mi piace questo sport perché è misto, c'è collaborazione in squadra di maschi e femmine, assolutamente alla pari. Inoltre, come tutti gli sport, aiuta particolarmente l'integrazione. Mi piace anche perché è completo: alleni le braccia per il tiro e le gambe per la corsa, e aiuta la coordinazione con la squadra, creando all'interno un legame davvero forte tra giocatori".

La Coppa del Mondo 2018 sarà un'ottima occasione non solo per promuovere lo sport, e per la città, ma anche per puntare i riflettori italiani su questa disciplina, ancora abbastanza sconosciuta. Con 31 paesi partecipanti (Italia compresa), Firenze si prepara a ospitare per la prima volta in Italia il più grande torneo nella storia di questo sport. L’appuntamento per tifosi, fan, accompagnatori, famiglie e curiosi da tutto il mondo è negli impianti sportivi di Affrico, Cerreti, Grazzini e nello stadio Padovani, dove avranno luogo le partite amichevoli, le dimostrazioni di gioco per adulti e bambini e le gare ufficiali della World Cup. La cerimonia di apertura sarà il 27 Giugno sull’Arengario di Palazzo Vecchio ed è in programma anche un match dimostrativo della Nazionale italiana Quidditch. L’evento è promosso dalla International Quidditch Association (Iqa) che, in collaborazione con il gruppo fiorentino Human Company, curerà l’organizzazione del campionato.

L'Assessore allo Sport del Comune di Firenze Andrea Vannucci ha dichiarato che la Coppa del Mondo è "un grande evento che proietterà la nostra città in un mondo fantastico. Un’occasione per ospitare a Firenze migliaia di appassionati di Quidditch, il gioco più famoso del mondo magico di Harry Potter. Una manifestazione che vedrà protagonisti gli impianti sportivi fiorentini, dall’Affrico al Padovani, Cerreti e Grazzini, ma che animerà tutta la città con appuntamenti collaterali tra festa, gioco e sport". Ill CEO di Human Company Marco Galetti si è detto felice "che l’Iqa abbia deciso di assegnarci la prossima Coppa del Mondo di Quidditch. Abbiamo lavorato con convinzione e determinazione alla candidatura per conto del Gruppo e della Città di Firenze, perché siamo certi che eventi di tale portata offrano eccellenti opportunità di sviluppo per il nostro territorio. Firenze diventerà la meta per gli appassionati di tutto il mondo di questa disciplina." Andrea Miglietta, presidente dell'Associazione Italiana Quidditch, ha dichiarato: "Siamo entusiasti di poter accogliere il più grande torneo di quidditch organizzato dall’International Quidditch Association. È una grande opportunità di crescita e di promozione per la nostra giovane disciplina sportiva. Con un importante sostegno del Comune di Firenze e le innate doti dello staff di Human Company sono sicuro che riusciremo a trasformare questa Iqa Quidditch World Cup nella più splendida esperienza di quidditch per giocatori e spettatori".

Dopo un lungo processo di selezione che ha coinvolto Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Turchia, Australia e Bergio, l’Italia è stata scelta quale paese più adatto a ospitare la Iqa World Cup 2018. Grazie a strutture sportive di alta qualità, il supporto della Città di Firenze e il dettagliato piano logistico-organizzativo presentato da Human Company, Iqa opererà in stretta collaborazione con gli organizzatori locali per garantire il successo del torneo internazionale.

Una importante iniziativa sportiva, patrocinata dal Comune di Firenze e dalla Regione Toscana, che vedrà la città di Firenze protagonista e che la pone come un valido hub per ospitare eventi sportivi così rilevanti. Rimane solo da augurare: buon Quidditch a tutti!

Per informazioni: www.italiaquidditch.com

di Guido Calosi

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)