Martedì 25 Settembre 2018
Percorso > Home > Webzine > Arte

Arte & Mostre

Separatore grafico
Separatore grafico
''Fictions'', le opere di Richard Dupont e Michael Staniak alla Galleria Eduardo Secci
[ 19-01-2018 ]

Venerdì 19 Gennaio, alle ore 18.00, la Galleria Eduardo Secci Contemporary Firenze, in Piazza Carlo Goldoni, ospita l'opening delle mostre personali dell'artista americano Richard Dupont e dell'australiano Michael Staniak, dal titolo comune "Fictions" a cura di Domenico de Chirico.

L'esposizione, in programma fino al 10 Marzo, mira a esaminare il concetto di enfasi che si dipana nel momento in cui un’immagine tradizionale entra a far parte di un contesto digitale, con particolare interesse per la mediazione che si verifica quando un’opera è scientemente documentata, esaminata e diffusa tramite tecnologie digitali. Richard Dupont e Michael Staniak sono entrambi profondamente coinvolti nella questione della verità; tra la cancellazione della verità in quanto tale e la rivelazione di un nuovo codice estetico sempre in corso di definizione, a seconda delle infinte possibilità che una costellazione virtuale può offrire.
 
Questa mostra vedrà il debutto di una nuova serie di lavori da parte di Richard Dupont sviluppata nel corso dell’ultimo anno. Ponendo delle tele grezze in infusione con sostanze chimiche utilizzate principalmente nella cianotipia ed esponendole alla luce del sole, le opere acquisiscono profonde tonalità bluastre dovute a una reazione chimica subita dalle tele sensibilizzate. Il risultato finale è un ibrido tra pittura e fotografia, che incorpora dei significati reconditi metafisici in cui la presenza e l'assenza di un'immagine convergono in maniera simultanea.
 
L'esposizione sarà composta di una sala centrale dove saranno esibite quattro nuove grandi opere intitolate “Untitled Drawing c. 1953” e che hanno come punto di partenza il lavoro proto-concettuale “Erased de Kooning Drawing”, di Robert Rauschenberg. È la visibilità stessa a essere presa in esame in questi nuovi ibridi tra pittura e fotografia. Durante le sue ricerche per la realizzazione di questa nuova serie, Dupont si è imbattuto in una scansione a infrarossi di “Erased de Kooning Drawing” creata dal Dipartimento di conservazione dell'Elise s. Haas al SF MOMA. La scansione rivela alcuni aspetti di ciò che era stato cancellato. La rievocazione del disegno invisibile riformula l'atto stesso della cancellazione tramite il processo della scansione. Dupont ha prima scaricato quest'immagine, poi vi ha lavorato al fine di ricostruire attraverso vari tentativi i segni cancellati.
 
Non è ben chiaro quali elementi di questi nuovi lavori siano effettivamente riconducibili a segni compiuti da de Kooning e quali, invece, siano manipolazioni digitali di Dupont. Il file digitale elaborato dalla scansione offusca ulteriormente il radicale non gesto di Rauschenberg poiché la cancellatura stessa è cancellata e sostituita da un codice digitale infinitamente corruttibile.
 
I nuovi dipinti di Michael Staniak, tutti intitolati con l’acronimo "HDF", sono un’estensione della ricerca dell’artista sugli effetti dei media digitali sulla produzione e la visione della pittura. Nell’impiego di diversi materiali tra cui un composto per la colata personalizzato e vernici acriliche, nel tempo si formano strati con una trama propria dovuta sia a movimenti delle dita sia all'utilizzo di attrezzi casuali dello studio. Le superfici risultanti sono una raccolta di un procedimento di pittura organico e sono poi sottoposte a una lenta aerografia ottenendo così un effetto trompe-l'œil. Questo permette di appiattire le movenze e produrre un’immagine che appare essere stata mediata digitalmente.
 
Le lettere HDF sono l’acronimo di Hierarchical Data Format, un’estensione di file digitali utilizzata principalmente per salvare raccolte d’immagini e dati satellitari, consentendo di estrarre molteplici punti d’informazione da una singola immagine digitale. Questo riflette il modo in cui noi osserviamo il mondo tramite una lente digitale mediata, dove, molto spesso, le verità che si celano dietro un’immagine possono essere rivelate tramite l’impiego di nuove tecnologie. Allo stesso tempo lo schermo può intralciare la nostra comprensione della realtà fisica; ci poniamo dubbi sul valore veritiero delle immagini modificate, che spesso possono avere l’effetto di appiattimento sul soggetto fisico. I dipinti di Staniak sono dimostrazioni di entrambi i fenomeni – i suoi gesti sono elevati da colori saturi oppure contrastati da un monocromo facsimile; eppure i gesti stessi sono nascosti e rivelati solo tramite gli strati della pittura dei dati visivi appiattiti da un procedimento che fa apparire i lavori più digitali.

Info: www.eduardosecci.com

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)