Martedì 24 Ottobre 2017
Percorso > Home > Webzine > Lettura

Lettura

Separatore grafico
Separatore grafico
''La visita'', il nuovo libro di Lucrezia Lombardo alla Libreria IBS di Firenze
[ 27-09-2017 ]

Mercoledì 27 Settembre alle ore 18.00 la Libreria IBS+Libraccio (Via de' Cerretani, 16/R) ospiterà la presentazione di "La visita" il nuovo libro di Lucrezia Lombardo. Insieme all'autrice sarà presente Antonella Di Tommaso per la lettura di alcuni componimenti poetici scelti.

L'opera consiste in una raccolta inedita di componimenti poetici aventi come temi centrali l'infanzia, la ricerca del sacro, il rapporto con l’amore, inteso non soltanto come “amore per l’altro”, ma come possibilità unica di elevazione e di conoscenza e come orizzonte che dimora dentro il soggetto ed oltre costui, rendendosi così, in ultima istanza, indefinibile ed inafferrabile. L'amore, semplicemente, diventa quella spinta che si fa ricerca e che trascende il soggetto, accedendo ad un orizzonte "divino".

La poesia, in questa raccolta, è una continua tensione e costituisce la via di accesso all'extra-ordinario, per la capacità del linguaggio di accennare il volto più profondo delle cose e della vita. Il divino, di cui parlo in questi versi, è la risposta al dolore. Divino, cioè, è scegliere di amare, comunque, nonostante la sofferenza che la vita riserva e proprio in virtù di essa.
I versi della raccolta narrano del cammino alla scoperta del vero volto delle cose e di una sorta di catarsi. Affrontano il tema di quel cammino doloroso -di risalita e di rinascita- che la sofferenza innesca, imponendo un cambiamento di vedute, che l'arte sublima.
I componimenti, perciò, parlano di una resurrezione, della mia rinascita sofferente per via del graduale distanziamento dall’infanzia. Tuttavia, questo distanziamento si fa rinascita nella misura in cui sa ritrovare la meraviglia dell’infanzia anche nella dura realtà quotidiana.

Il titolo della raccolta, "La visita", sta ad indicare la sosta del divino presso ciascuno di noi: è il divino che si fa conoscere per sua stessa volontà e viene a farci visita svelandoci il suo volto, che è poi "il volto gentile delle cose". Ed è il divino che ci parla attraverso la vita stessa. Non siamo noi a giungere ad esso, poiché i nostri mezzi sono insufficienti ma, in un capovolgimento di prospettive, è il divino che viene a farci visita e a risvegliarci, attraverso la bellezza e la poesia.

Per maggiori informazioni: www.libraccio.it - www.ibs.it  

VM

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)