Martedì 12 Dicembre 2017
Percorso > Home > Webzine > Lettura

Lettura

Separatore grafico
Separatore grafico
''Balducci, Turoldo, Milani'', presentazione del libro sui preti di frontiera alle Murate Pac
[ 18-10-2017 ]

Mercoledì 18 Ottobre, alle ore 17.30, Murate. Pac - Progetti Arte Contemporanea (piazza delle Murate) ospita la presentazione del volume speciale "Balducci, Turoldo, Milani. Preti di frontiera" della rivista Testimonianze.
Intervengono: Andrea Bigalli, presidente del Comitato scientifico di Testimonianze; Sergio Givone, Docente Università di Firenze, filosofo e scrittore; Antonella Landi, insegnante e giornalista; Severino Saccardi, direttore di Testimonianze. Introduce e coordina Stefano Zani, vicepresidente di Testimonianze. Letture di Massimo Salvini.

Tre personalità esemplari di preti per storia personale e percorso di vita e di fede, assai diversi fra loro, ma ebbero in comune, oltre alla profonda fede in Dio una altrettanto radicale fede nell’uomo, che li portò, ognuno nelle forme particolari del proprio percorso, ad essere considerati «scomodi» e in qualche modo ad essere emarginati dalla Chiesa cattolica del tempo, che pure essi, come altri che condivisero le stesse inquietudini, non abbandonarono mai. Un modo di vivere la fede «sulla frontiera», il loro che, già nella Firenze della fine degli anni 50 nella quale si trovarono a confrontarsi e a dialogare, aveva contribuito a creare un fermento particolarmente vivace di idee e di proposte che trovò poi eco nel Concilio Vaticano II. La forza profetica e poetica della voce e degli scritti di Turoldo, l’opera forte e amorosa di Milani nel dedicarsi all’insegnamento della parola, la riflessione sul rapporto fede-laicità e sulla nuova dimensione planetaria della storia portata avanti da Balducci, e la complessiva radicalità visionaria delle loro proposte, animano e danno forza ad un messaggio, di fraternità, libertà, giustizia e pace, che ancora ci raggiunge da lontano. Ed è forse proprio al valore di quella radicalità, dal profondo significato religioso, civile e umano, che viene conferito un riconoscimento da papa Francesco nell’omaggio reso a don Milani a Barbiana, luogo simbolo dell’emarginazione e, insieme, del riscatto della parola restituita agli ultimi e di una Chiesa che si fa povera fra i poveri e che può diventare generatrice di speranza.

Ingresso libero.

Info: www.testimonianzeonline.com

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)