Percorso > Home > Webzine > Lettura

Lettura

Separatore grafico
Separatore grafico
Lo sport contro l'omofobia: presentato il libro ''Terzo tempo, fair play'' alla Rondinella
[ 11-07-2018 ]

Lo sport come mezzo di aggregazione, di educazione e divertimento, ma anche come motore di una battaglia da tempo combattuta contro i pregiudizi e le discriminazioni nei confronti di persone LGBTI. Sono gli argomenti affrontati nel volume intitolato "Terzo tempo, fair play. I valori dello sport per il contrasto all'omofobia e alla transfobia", a cura di Giuliana Valerio, Manuela Claysset e Paolo Valerio, che è stato presentato mercoledì 11 Luglio alla Rondinella del Torrino Santa Rosa, nell'ambito della rassegna "Leggendo sotto il Torrino 2018" inserita nel calendario dell'Estate Fiorentina.

"Terzo tempo, fair play" raccoglie i contributi presentati all'omonimo convegno che si è svolto il 22 aprile 2015 a Napoli, anch'esso rivolto a tutti coloro che sono impegnati nel campo delle attività motorie e sportive per promuovere una cultura più inclusiva e rispettosa nello sport, per sviluppare azioni di prevenzione della discriminazione di genere, e per condannare qualsiasi manifestazione di intolleranza nei loro confronti.

Presenti all'incontro e attivi nella discussione suscitata dalle importanti tematiche affrontate nel libro alcuni nomi legati al mondo dello sport fiorentino: Marco Ceccantini, Presidente Uisp Comitato di Firenze; Manuela Claysset, Responsabile nazionale Uisp per le politiche di genere; Luca Giacomelli, Avvocatura per i diritti LGBT - Rete Lenford; Claudio Cirri, Vicepresidente Revolution Soccer Team.

Il dibattito che ha seguito la presentazione si è concentrato proprio sulle azioni concrete che devono essere svolte affinchè l'obiettivo comune venga raggiunto. Marco Ceccantini ha ricordato come questo tema sia riuscito a suscitare un'attenzione crescente anche da parte dei media e come, nell'immaginario collettivo, siano radicati dei luoghi comuni che non riescono a scindere l'orientamento sessuale dalla prestazione in campo.

Il mondo sportivo ha un ruolo ben preciso: è una delle centrali educative piu importanti, insieme a scuola e famiglia. Su questo ha insistito Manuela Claysset, ricordando come la cultura stereotipata sia causa di abbandono da parte di ragazzi che hannpo esigenze diverse e che non si sentono accettati. Indispensabile, quindi, la figura di tecnici e professionisti che non devono solo allenare il fisico, ma formare ed educare, fornendo dei modelli inclusivi.

Esperienza diretta e concreta è quella che ha fornito Claudio Cirri, Vicepresidente della Revolution Soccer Team, una realtà nata nel 2008 per costituire una squadra di calcetto gay/gay friendly come già era accaduto in altre città. Tramite l'organizzazione di tornei rivolti a tutti, senza nessun tipo di selezione legata alla diversità, l'associazione sportiva cerca di abbattere i concetti discriminatori e i pregiudizi da sempre insiti tra omosessualità e calcio.

Essere sè stessi per vivere al meglio la propria esperienza sportiva e il legame con i compagni di squadra rappresenta la causa e l'obiettivo del volume e di questa lunga campagna contro ogni forma di violenza e omofobia nello sport e in altri ambienti.

RC

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)