Venerdì 24 Novembre 2017
Percorso > Home > Webzine > Teatro & Danza

Teatro & Danza

Separatore grafico
Separatore grafico
Estate Fiorentina 2016: bilancio e anticipazioni
[ 10-10-2016 ]

Mancano poche settimane al termine della sua programmazione, ma per la lunga Estate Fiorentina 2016 è tempo di tirare le somme. A presentare bilanci e anticipazioni, nel ritrovato Teatro Niccolini di Firenze, è stato il sindaco Dario Nardella insieme al curatore artistico della rassegna Tommaso Sacchi. "Anche se restano ancora un paio di colpi da novanta, l'Estate Fiorentina sta volgendo al termine - ha dichiarato il sindaco Nardella - Siamo riusciti nel nostro intento, ovvero quello di realizzare un festival capace di abbracciare metà anno con risultati molto positivi e con protagoniste le realtà produttive del territorio, sia quelle storiche che quelle più nuove".

6 mesi, oltre 750 eventi e 5 progetti speciali: questi i numeri dell'Estate Fiorentina 2016 che rispetto allo scorso anno ha visto un deciso incremento delle risorse stanziate, sia proprie che degli sponsor (670.000 euro rispetto ai 450.000 del 2015). Come avvenuto lo scorso anno, anche l'edizione 2016 è stata inaugurata il 30 aprile dalla Notte Bianca in una veste però rinnovata dal titolo "Prima notte d'estate", all'insegna della cultura, dei libri e dei grandi autori. Dal mese di maggio, poi, l'Estate Fiorentina ha saputo proporre una ricchissima programmazione di eventi nel segno della multidisciplinarietà con musica, teatro, danza, arte, cinema, letture in tutta la città.
Sono stati 11 gli spazi estivi che hanno saputo intrattenere quotidianamente cittadini e turisti con le loro programmazioni: a quelli confermati dallo scorso anno (Giardino di Campo di Marte, Giardino dell'Orticoltura, Le Murate, Vasca dei Cigni - Fortezza da Basso, Limonaia di Villa Strozzi, Piazza Demidoff, Lungarno Serristori - Terrazza sull'Arno, Piazza del Carmine, Piazza Tasso e Parco dell'Anconella) si sono aggiunti due nuovi luoghi capaci di conquistare fin da subito il pubblico fiorentino, ovvero Flower al Piazzale Michelangelo e la Piazzetta dei Tre Re. Il primo, inaugurato nel mese di agosto, è riuscito in poco tempo a ottenere un grandissimo riscontro registrando oltre 10.000 presenze, mentre la piazzetta "è diventata ormai un luogo cult - come sottolineato da Nardella - un angolo di pace, ambiente e cultura in pieno centro storico". È proprio sugli spazi estivi che l'amministrazione comunale intende investire sempre di più, in vista dell'Estate Fiorentina 2017: "Il vero degrado è quello culturale - ha dichiarato Nardella - e per questo noi vogliamo continuare a contagiare i luoghi pubblici con la cultura - e ha proseguito annunciando un obiettivo importante per la prossima edizione - Punteremo sempre più sulle periferie: senza trascurare il centro storico, faremo dell'estate 2017 il momento per accendere i riflettori sulle zone più periferiche di Firenze dove è possibile trovare l'identità della città".

Riavvolgendo il nastro della memoria, cosa abbiamo vissuto nel corso di questa lunga Estate Fiorentina?
Sicuramente ricorderemo i progetti speciali: Secret Florence, che ha svelato luoghi poco conosciuti della città attraverso i linguaggi artistici del contemporaneo; i concerti dei Suonatori Indipendenti per Firenze, con la reunion al contrario degli ex componenti dei Csi che si sono esibiti singolarmente in cinque location della città; la Michelangiolesca, settimana di eventi dedicata al genio di Michelangelo; il Centenario dell'Antologia di Spoon River, straordinario evento tra letture e musica di De Andrè al complesso di San Miniato con ospiti del calibro di Morgan, Gabriele Lavia e Peppe Servillo.
Oltre ai progetti speciali, l'Estate Fiorentina 2016 ha offerto una programmazione molto ricca e composita, in tutta la città:
Grandi protagoniste le Cascine sia per la musica (grazie, ad esempio, ai concerti di Sting, Duran Duran o agli Mtv Awards che, come annunciato dal sindaco, torneranno a Firenze anche il prossimo anno), sia per le performance spettacolari del Cirk Fantastik che quest'anno ha ottenuto un eccezionale successo di pubblico (oltre 15.000 spettatori); sempre più vitale Piazza SS. Annunziata animata quest'anno da musica di altissimo livello con la prima edizione di Musart (ricordiamo, tra gli altri, i concerti di Battiato e Alice o di Einaudi) e il confermatissimo cinema all'aperto. L'estate 2016 è stata quella più ricca di eventi per il Museo Novecento con musica, arte, danza, cinema e incontri; ottimi risultati, poi, per Fabbrica Europa e Festival au Desert (con l'annuncio di Nardella di potenziare sempre più gli eventi del festival alla Leopolda). Grande successo anche per altri appuntamenti ormai tradizionali dell'Estate Fiorentina come Italian Brass Week, i concerti di Toscana Classica sui sagrati, gli eventi del Balagan Cafe, l'Estate a San Salvi dei Chille de la balanza, Campus della Musica, il progetto tra teatro e architettura di Krypton e Firenze Suona Contemporanea, la cui ultima edizione ha potuto contare come sempre su eccezionali prime mondiali e su ospiti del calibro di Michael Nyman e Erwin Wurm.

Contemporaneità. Proprio questa è stata una delle parole chiave dell'Estate Fiorentina 2016, confermando quella che è la stessa tendenza della città, ovvero quella di essere "una delle più interessanti in Italia per l'arte contemporanea - ha sottolineato Nardella - nessun'altra città ha saputo mettere insieme tanti artisti contemporanei nello stesso arco di tempo".
Jan Fabre, John Currin e per ultimo Ai Weiwei sono solo alcuni dei grandi nomi ospitati nel corso del 2016: "Questo è il segno di una Firenze non più schiava del passato o in contemplazione passiva del Rinascimento - ha aggiunto il sindaco - ma capace di trarre forza dalla sua tradizione per lanciarsi nel presente. È una Firenze che invita alla curiosità e alla sperimentazioen culturale".

L'Estate Fiorentina 2016, però, non è ancora finita. Quali sono i prossimi appuntamenti?
Lo spettacolo “Monsieur Ibrahim et les fleurs du coran” al Teatro di Rifredi, in esclusiva italiana, con in scena lo stesso autore Eric-Emmanuel Schmitt (14-15 ottobre); la seconda edizione di Sonic Somatic tra performance, percorsi sonori, workshop e installazioni audio in dialogo con lo spazio urbano (19-22 ottobre); una giornata al Museo Novecento dedicata agli artisti del collettivo Base/Progetti per l'Arte (17 ottobre); il nuovo lavoro del duo artistico Masbedo dal titolo "Handle with care" che sarà allestito nella Sala d'Arme (22-24 ottobre). Eccezionalmente il 3 dicembre si terrà l'ultimo dei progetti speciali della rassegna, String City, che trasformerà Firenze nella città degli archi con concerti in musei e altri luoghi di interesse culturale: "Ad oggi abbiamo già coinvolto 40 musei, ma vogliamo superare i 50 - ha annunciato il sincado - quel giorno vibraranno tutti della stessa musica, sarà un concerto di concerti, una simbiosi totale tra sculture, pitture e musica".

Per maggiori info e seguire tutti gli aggiornamenti: www.estatefiorentina.it 

di Alessandra Toni 

 

Torna al Menu della Rubrica


© Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484 - Posta Elettronica Certificata (PEC)