Home > Webzine > Sport > "Lo sport è contro i razzismi", incontro dibattito all'U.S. Affrico
mercoledì 26 giugno 2019

"Lo sport è contro i razzismi", incontro dibattito all'U.S. Affrico

21-03-2019
Giovedì 21 marzo 2019, alle ore 17.30, la sala teatro della polisportiva U.S. Affrico di Firenze (viale Manfredo Fanti, 20) ospita l'incontro dibattito "Lo sport è contro i razzismi", organizzato in collaborazione con il Settore Giovanile e Scolastico regionale della F.I.G.C. in occasione della giornata Mondiale contro il Razzismo, aperto ai Genitori, Atleti, Dirigenti e Tecnici delle società sportive della provincia.

Intervengono: Andrea Vannucci, Assessore allo Sport del Comune di Firenze; Paolo Mangini, Presidente del C.R. Toscana L.N.D.; Eugenio Giani, Delegato Provinciale C.O.N.I. e Enrico Gabbrielli, Coordinatore regionale S.G.S..
Relatori: Sara Binazzi, Coordinatrice dell’aera psicologica del C.R. Toscana Settore Giovanile; Rosario Carubia, Delegato provinciale Attività Scolastica e Fiona May, Presidente Commissione F.I.G.C. per l’integrazione e la lotta al razzismo. Moderatore dell’incontro: Paolo Allegretti dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport.

La giornata Mondiale contro il Razzismo celebrata in tutto il mondo è stata istituita dalla Nazioni Unite per commemorare il massacro avvenuto a Sharpeville, in Sudafrica, nel 1960. In quella giornata la polizia uccise 69 manifestanti neri che protestavano contro l’introduzione dell’Urban Areas Act, provvedimento in base al quale i cittadini sudafricani neri dovevano esibire uno speciale permesso se fermati nelle aree riservate ai bianchi.

Il problema del razzismo, o meglio dei razzismi come è nel titolo dell’evento proposto dalla società U.S. Affrico, ha bisogno sempre più di confronti per sensibilizzare e rendere partecipe anche il mondo sportivo ed in particolare quello del calcio di un fenomeno che non ha niente a che fare con i veri valori dello sport fatto di un unica razza: quella Umana!

Il Settore Giovanile e Scolastico della F.I.G.C. è da anni impegnato in questa battaglia di sensibilizzazione attraverso campagne di formazione, informazione, integrazione e varie manifestazioni sul territorio come ad esempio il “Progetto Rete”, rivolto agli oltre 500 minori stranieri richiedenti asilo, residenti negli SPRAR, che vogliono praticare uno sport. Un esempio di inclusione e integrazione attraverso il calcio.

Per maggiori informazioni: www.usaffrico.it  - https://toscana.lnd.it/