Home > Webzine > Sport > Batizado 2019 di Capoeira, la "danza degli dei" sotto lo stadio di Firenze
venerdì 15 novembre 2019

Batizado 2019 di Capoeira, la "danza degli dei" sotto lo stadio di Firenze

18-05-2019
Mentre la stagione calcistica si avvia verso la sua conclusione, al “piano di sotto” dello Stadio Artemio Franchi di Firenze continua a battere un cuore pulsante. Quello del gruppo Escola Regional Capoeira che sabato 18 e domenica 19 maggio celebra il suo 12° Batizado, un evento internazionale con invitati dal Brasile e da tutto il mondo. Il Batizado (letteralmente ‘Battesimo’), che si terrà presso la Palestra "Artemio Franchi", è la cerimonia più importante della capoeira (la danza/lotta di origine afro-brasiliana), in cui i nuovi partecipanti ricevono il loro nome di capoeira (apelido), per gli altri allievi avviene il cambio della corda (un sistema simile a quello delle altre arte marziali) e per tutti è l’occasione di apprendere da Maestri internazionali e confrontarsi con altri capoeristi, sfidandosi nella roda.

Lotta o danza? Una delle cose più difficili della capoeira probabilmente è proprio definirla. È sport, arte marziale, movimento, gioco, espressione corporale, interazione, cultura. Il modo migliore per capire è sicuramente l’esperienza diretta, vedere o provare per scoprire in prima persona cosa sia quest'arte che l'Unesco ha recentemente definito "patrimonio culturale dell'umanità". Sabato sarà possibile assistere ad esibizioni, stage, musica e una vera e propria formatura (cerimonia di ottenimento di uno dei livelli più altri dell’insegnamento).

L’evento, ad ingresso libero, si svolgerà presso la Palestra Centro Fitness "Artemio Franchi”, in viale Maratona, 6 a Firenze (sotto lo Stadio Artemio Franchi).

PROGRAMMA DELL'EVENTO

Sabato 18 maggio:
ore 13:00 inizio stages con vari mestres invitati
ore 16:00 Batizado e formatura Contra Mestre Iena
ore 17:00 batizado bambini, adulti
ore 18:00 roda di chiusura

Domenica 19 maggio:

ore 12:00 roda all’aperto
ore 14:30 papo-eira, stage e roda

La Capoeira è arte, danza, lotta, sport, difesa personale, ginnastica e cultura. È accompagnata da canti e strumenti a percussione di origine afro-brasiliana: Berimbau, Pandeiro, Atabaque e Agogo.
La Capoeira è nata in Brasile come forma di rivolta degli schiavi durante l’epoca coloniale sviluppandosi poi in tutto il paese. Per lungo tempo, anche dopo la fine della schiavitù, è rimasta espressione delle classi emarginate. Oggi la capoeira non solo è entrata in tutte le realtà della società brasiliana ma è anche conosciuta e praticata in vari stati dell’America e dell’Europa.
Il momento espressivo della capoeira è la “Roda”: insegnanti e allievi uniti in cerchio cantano e suonano mentre due di loro, al centro, guidati dal suono del Berimbau, mettono in scena la danza guerriera fatta di acrobazie e movimenti eleganti che all’occorrenza possono diventare colpi micidiali.
La capoeira è una forma di socializzazione, sviluppa la creatività dei praticanti grazie all’improvvisazione dei movimenti e al lavoro sui canti e sugli strumenti musicali. La capoeira, come dice una canzone, “è pra homen menino e mulheres”, cioè può essere praticata indifferentemente da uomini donne e bambini.
Oggi la capoeira è lo sport nazionale brasiliano e si è ormai diffusa a livello mondiale.

Per maggiori informazioni:
www.escolaregional.com  | www.facebook.com/CapoeiraFirenze/