Home > Webzine > Sport > Italia-Austria: il Museo del Calcio di Coverciano si “prepara” alla partita
sabato 23 ottobre 2021

Italia-Austria: il Museo del Calcio di Coverciano si “prepara” alla partita

23-06-2021

Verso la sfida tra Italia e Austria: il Museo del Calcio di Coverciano si “prepara” alla partita di sabato 26 giugno 2021 con alcuni cimeli che raccontano il match nel corso degli anni. All’inizio del percorso è esposto il gagliardetto Italia-Austria, appena rientrato da Roma dalla mostra temporanea a Casa Azzurri. Si tratta dell’oggetto più antico e conservato al Museo e si lega alla sfida Italia-Austria, terminata 3-3 e disputata quasi un secolo fa. Era il 15 gennaio 1922 e si giocò allo Stadio Velodromo Sempione di Milano. I marcatori furono Giovanni Moscardini, Renzo De Vecchi, Aristodemo Santamaria, Giovanni Moscardini, Rudolf Kock, Fischera. E' un oggetto di dimensioni inedite (misura 105 cm x 68 cm) ed è realizzato interamente a mano con materiali di pregio.
Sui social del Museo del Calcio, ogni giorno per avvicinarci alla sfida degli Azzurri, verranno postati immagini d’archivio e di oggetti legati a Italia-Austria.

Nel museo della Nazionale Italiana e della Federazione Italiana Giuoco Calcio, in Viale Aldo Palazzeschi 20, attraverso il percorso espositivo è possibile rivivere le emozioni ed i ricordi legati alla storia presente e passata degli Azzurri. Un'occasione unica, per grandi e piccini, per ripercorrere la storia presente e passata della Nazionale attraverso maglie, scarpini e trofei. 

Nella prima sala sono esposti i cimeli riguardanti le vittorie dell’Italia nel Campionato del Mondo 1934, nel Campionato del Mondo 1938 e alle Olimpiadi di Berlino del 1936. Da segnalare, in questa sala, la maglia con cui Silvio Piola ha esordito in Nazionale il 24 marzo 1935 contro l’Austria e sulla quale la madre dell’attaccante azzurro ha cucito una dedica al figlio. Sempre in questa sala è presente la maglia nera indossata da Amedeo Biavati il 12 giugno 1938 in occasione della gara dei quarti di finale dei Mondiali contro la Francia. 

Il percorso prosegue con la seconda sala dove troviamo le teche dedicate al Mondiale 2006, agli Europei 2012, alla Nazionale femminile, alla Nazionale di calcio a cinque e alla Nazionale Universitaria. Nella teca del 2006 si trova tutto ciò che il capitano Fabio Cannavaro ha indossato durante la finale di Berlino contro la Francia: dai parastinchi alla fascia di capitano, oltre agli scarpini e alla divisa. Sempre in questa sala troviamo un omaggio alla tragedia di Superga, il terribile incidente aereo avvenuto nel 1949 dove persero la vita tutti i giocatori del grande Torino. Segue poi una ricca collezione di scarpini e palloni di tutte le epoche, grazie ai quali è possibile vedere come sono cambiati i materiali del calcio nel corso del tempo.

Al primo piano la terza sala che è dedicata ai trionfi dell’Italia nel Campionato d'Europa del 1968 e nel Campionato del Mondo del 1982. Le maglie di Rivera e Facchetti, gli scarpini di Castano e Anastasi e tanti altri cimeli che consentono di rivivere quello che fino ad ora è stato l’unico successo continentale degli Azzurri. Il mondiale di Spagna dell’82 è celebrato con le maglie dei protagonisti di quello storico successo e oggetti unici come le pipe del Commissario Tecnico Bearzot e dell’allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini.

La quarta sala è quella delle vittorie sfiorate, i Campionati del Mondo di Messico 1970, Argentina 1978, Italia 1990, USA 1994, e gli Europei del 2000 di Belgio e Paesi Bassi nei quali l’Italia è andata vicina al successo.

Il percorso si chiude con la quinta sala dove sono conservati i cimeli dei campioni che sono entrati a far parte della Hall of Fame del calcio italiano.

Entrare al Museo del Calcio significa anche poter visitare l’area dei campi del Centro Tecnico FIGC di Coverciano dove si allena la Nazionale maggiore.

Per maggiori informazioni: info@museodelcalcio.it   - www.figc.it/it/museo-del-calcio   - tel. 055.600526