Home > Webzine > Sport > Museo del Calcio di Coverciano: novità in mostra legate al successo europeo degli Azzurri
venerdì 22 ottobre 2021

Museo del Calcio di Coverciano: novità in mostra legate al successo europeo degli Azzurri

23-08-2021
Lunedi 23 agosto 2021, il Museo del Calcio di Coverciano, in viale Aldo Palazzeschi, 20 a Firenze, riparte con il consueto orario di apertura dalle ore 10.00 alle 18.00. Raccoglie oltre 150 cimeli che raccontano la storia e il presente dei 111 anni dalla prima partita degli Azzurri, giocata con la Francia il 15 maggio 1910. All’ingresso, la Corte dei Campioni accoglie i visitatori con la timeline della storia della Nazionale e gli 823 nomi dei giocatori che hanno indossato la maglia azzurra in partite ufficiali. 

All’interno del Museo, nato 21 anni fa, al primo piano, è allestita la mostra temporanea delle 7 maglie delle 7 partite disputate dall’Italia di Roberto Mancini. Tra le quali la numero 21 di Gianluigi Donnarumma, eletto miglior giocatore di Euro2020, che con gli altri portieri azzurri ha realizzato il record di imbattibilità con i 1.186 minuti senza subire reti. Accanto, la maglia numero 8 di Jorginho, che ha segnato la prima gara (11 giugno 2021) con il ritorno del pubblico allo stadio e la numero 14 di Federico Chiesa, che ha registrato il record di padre e figlio marcatori agli Europei. Ci saranno novità all'interno del percorso museale dedicate proprio ai campioni d'Europa 2020. Oltre alla mostra con le 7 maglie per le 7 sfide disputate dagli Azzurri di Roberto Mancini nell'ultimo Europeo, altre sezioni racconteranno di una data, l'11 luglio, che è entrata nella storia e che ha emozionato le generazioni.

Nel corso di questi mesi, il Museo del Calcio di Coverciano, ha accolto migliaia di famiglie, provenienti da tutta Italia e da altri Paesi, facendo registrare una percentuale in crescita di piccoli visitatori.
Il Museo del Calcio di Coverciano racchiude la storia della Nazionale italiana di calcio e della Figc, attraverso il percorso espositivo è possibile rivivere le emozioni ed i ricordi legati alla storia presente e passata degli Azzurri e delle Azzurre.

Il percorso museale è articolato in tre sale: nella prima sala sono raccolti cimeli e documenti che raccontano la Nazionale a partire dai suoi esordi fino agli anni Sessanta.
Iniziando il percorso è possibile osservare il cimelio più antico del Museo: si tratta del gagliardetto della partita amichevole Italia-Austria, giocata il 15 gennaio 1922 al Velodromo Sempione di Milano e terminata con il risultato di 3-3. Altro cimelio straordinario in questa sezione è la maglia con cui Silvio Piola ha esordito in Nazionale il 24 marzo 1935 contro l’Austria e sulla quale la madre dell’attaccante azzurro ha cucito una dedica al figlio. Il percorso prosegue con alcune maglie che ripercorrono la storia della Nazionale dal dopoguerra fino al 1968. Tra queste, è presente la maglia verde numero 8 indossata da Celestino Celio in occasione della partita amichevole Italia-Argentina, disputata a Roma nel 1954.
La sezione successiva raccoglie la storia delle Nazionali guidate dal Ct Bearzot dal 1978 al 1986.

Nella seconda sala potrete vedere i cimeli che raccontano la storia della Nazionale maschile, dal 1990 fino ai giorni nostri, e della Nazionale femminile. Tra i cimeli più prestigiosi si possono notare CIAO, la celebre mascotte del Mondiale di Italia ’90, e la maglia numero 6 indossata da Franco Baresi al Mondiale del 1994 disputatosi negli USA.

Passando attraverso il corridoio “immersivo”, in cui video, immagini e suoni ci fanno ripercorrere la storia azzurra, si giunge nella terza sala del museo. Qui sono raccolti i trofei della Nazionale maschile: 4 vittorie ai Campionati del Mondo (1934 in casa. 1938 in Francia, Spagna ’82 e 2006 in Germania), gli Europei del 1968 e la Coppa Internazionale del 1930. Sono presenti inoltre i tre trofei originali degli Europei Under 21 conquistati dagli Azzurrini tra il 1992 e il 1996, la coppa dell’Europeo del 2003 alzato dalla Nazionale di futsal e la coppa di Euro 2020 della Nazionale TIMVISION PES.

Al primo piano è presente una sala dedicata a mostre temporanee e la sala cinema dove poter rivivere la storia della Nazionale grazie a video emozionali.

Entrare al Museo del Calcio significa anche poter visitare l’area dei campi del Centro Tecnico Federale di Coverciano dove si allena la Nazionale maggiore.

Per maggiori informazioni: info@museodelcalcio.it  - www.figc.it/it/museo-del-calcio  - tel. 055.600526