Home > Webzine > Giovani Reporter > Inaugurazione dell'anno accademico e nuova stagione di eventi del Conservatorio Luigi Cherubini
venerdì 23 agosto 2019

Inaugurazione dell'anno accademico e nuova stagione di eventi del Conservatorio Luigi Cherubini

10-11-2014
"Il Conservatorio Cherubini di Firenze è un luogo al centro della formazione dei ragazzi e si trova in un momento di forte ripresa delle attività. La musica dà la possibilità di riordinare i pensieri e il suo studio rappresenta una ricchezza formativa per tutti gli individui". Così è intervenuta Cristina Giachi, vicesindaco del Comune di Firenze, alla presentazione dell'anno accademico 2014-2015 e della nuova stagione di eventi del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, tenutasi lunedì 10 novembre.

Il Conservatorio avrà a sua disposizione otto nuove sale prove, dove i giovani musicisti potranno studiare e suonare il proprio strumento in orari non di lezione. I lavori di ristrutturazione dell'edificio quattrocentesco di Villa Favard (situata a Rovezzano, via Aretina), sede del conservatorio,  saranno svelati sabato 15 novembre in un incontro pubblico con visite guidate e momenti musicali. Il recupero, sotto la supervisione e grazie al sostegno del Comune di Firenze, è una delle novità dell'anno accademico 2014 - 2015 dell'Istituto di formazione musicale che sotto la guida del direttore Flora Gagliardi, inaugura una stagione che propone oltre 85 progetti diversi di formazione, produzione, promozione e ricerca musicale, e un cartellone di concerti (circa 300) per lo più gratuiti.

Il primo evento si terrà martedì 11 novembre 2014, alle ore 17.00 a Villa Bardini, con un concerto di musiche di Mozart eseguito dai violinisti Lorenzo Vicari e Giulia Guerrini, il violista Marco Gallina, il violoncellista Giovanni Inglese e il clarinettista Francesco Darmanin.

In proposito il direttore del Conservatorio Flora Gagliardi ha detto: "C'è un sostegno verso il Conservatorio Cherubini che non si era mai manifestato in tanti anni. Ora avremo a disposizione l'auditorium di via Folco Portinari, in cui potremo tenere le lezioni di organo. Quest'anno l'anno accademico è dedicato alla valorizzazione del patrimonio. L'intervento dell'amministrazione comunale è stato preziosissimo. Metteremo online i patrimoni immobiliari, bibliografici, archivistici di tutti i Conservatori di Musica italiani tramite il progetto Musica Conservata. Saranno coinvolte anche le collezioni di strumenti antichi".

Il database conterrà anche reperti fotografici, i memorabilia e materiali multimediali. Parte del progetto sarà il convegno internazionale "Valorizzazione, gestione e fruibilità del patrimonio delle Istituzioni Afam", dal 17 al 19 aprile a cura del comitato scientifico composto da Marco Di Pasquale, Francesco Passadore e Dinko Fabris.
"Abbiamo portato un'innovazione, che è l'apertura verso l'esterno, anche molto lontano, visto che un concerto si terrà a New York. Con alcune università e conservatori di Shanghai e di Pechino stiamo stringendo accordi bilaterali. Vogliamo che la cultura cinese sia conosciuta in Italia nel modo giusto", aggiunge Gagliardi . "In primo luogo il Conservatorio Cherubini è una scuola che forma dai bambini più piccoli fino agli adulti. Raggiungere le famiglie significa crearsi un futuro. Solo attraverso il contatto con le nuove generazioni possiamo cambiare e crescere".

Giovanni Vitali, responsabile promozione culturale del Maggio Musicale Fiorentino, ha illustrato il programma degli appuntamenti della stagione. Gli eventi si svolgeranno da novembre 2014 a ottobre 2015 presso le due sedi del Conservatorio (Villa Favard e la sede centrale di Piazza delle Belle Arti 2) e in vari luoghi chiave della città e della regione. "A breve avremo Le allegre comari di Falstaff al Teatro Goldoni, a febbraio Pollicino. Il 17 febbraio, ultimo giorno di Carnevale, porteremo per la prima volta al Maggio Musicale Fiorentino Il pipistrello di Johann Strauss. Il Conservatorio è un'istituzione di formazione, il Teatro del Maggio è un'istituzione di produzione. Abbiamo anche una serie di eventi che ruotano attorno al festival, occasioni di approfondimento".

Alessandra Bandini, dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, ha concluso la presentazione commentando che "sostenere il Conservatorio è un modo per avvicinare i giovani alla cultura e alla musica. Abbiamo a che fare con un'istituzione da premiare, la cui presenza diffonde la cultura in città in maniera costruttiva".

Per maggiori informazioni e programma degli eventi: www.conservatorio.firenze.it

di Giada Barbera