Home > Webzine > Firenze cum laude: migliaia di giovani universitari al Maggio
mercoledì 20 novembre 2019

Firenze cum laude: migliaia di giovani universitari al Maggio

21-09-2010
E' stato un grande successo di pubblico il concerto, che ha offerto Summertime la suite con i brani più celebri di "Porgy and Bess", l’opera ‘nera’ di George Gershwin, cavallo di battaglia di tutte le grandi voci liriche e blues. L'evento del 21 settembre è stato dedicato ai giovani universitari grazie alla collaborazione del Maggio Musicale Fiorentino con il Rettore dell’Università di Firenze, con la Console degli Stati Uniti e con l’Assessorato all’Università del Comune di Firenze.
Si è aperta così “Firenze cum laude” la settimana dello studente. Tantissimi studenti universitari erano presenti all'inaugurazione della stagione invernale al Maggio Musicale Fiorentino: oltre all'Università di Firenze erano presenti gli studenti di università americane come la James Madison, la Florida State, l’Associates College of the Midwest e il Sarah Lawrence, l’Accademia Europea.
E' stata anche la prima occasione per iscriversi e ritirare la "Carta Giovani (Io studio a Firenze)" nata per godere delle tante opportunità presenti sul territorio ma anche per fornire un contributo e rendere Firenze una città migliore. Tantissimi i ragazzi che si sono iscritti ed hanno ritirato la Carta Giovani del Comune di Firenze all'ingresso, durante l'intervallo ed a conclusione del concerto.
Sul podio dell’Orchestra e del Coro del Maggio Musicale Fiorentino si è esibito un musicista straordinario come Wayne Marshall: direttore, organista, pianista, fra i più versatili artisti dei nostri giorni, capace di trascinare musicisti e pubblico con le sue performance comunicative. Il maestro è anche l’autore della Suite tratta dall’opera-musical nata nel 1935, che al Teatro Comunale è andata in scena solo due volte, nel 1955 e nel 1984. Per interpretare i ruoli principali del capolavoro di Gershwin è stato accompagnato dalle voci di Kevin Short, Indira Mahajan, Angela-Renée Simpson e Ronald Swann.