Home > Webzine > ''I giovani sentinelle della legalità'' al Mandela Forum di Firenze
venerdì 15 novembre 2019

''I giovani sentinelle della legalità'' al Mandela Forum di Firenze

10-05-2011
Martedì 10 maggio 2011 dalle ore 10.00 al Mandela Forum di Firenze gli studenti dell’IPSAR Buontalenti e del ITT Marco Polo di Firenze incontrano le Istituzioni nell'ambito del progetto "I giovani sentinelle della legalità" promosso dalla Fondazione Antonino Caponnetto. Ogni anno oltre cinquecento ragazzi e ragazze provenienti dalla Toscana partecipano ai campi di lavoro sulle terre confiscate alla mafia. Alla fine di questa loro splendida esperienza, pieni di entusiasmo e ricchi di passione civile, ritornano a casa, ma si scontrano con la difficoltà di proseguire nel loro impegno civile. Spesso mancano le strutture adeguate perché il mondo degli adulti ha dato spazio ad altre priorità economiche, negando ai giovani ogni protagonismo nella vita politica e civile. Altre volte sono negate loro le opportunità di partecipare e crescere nella comunità lasciando il segno distintivo delle proprie capacità. L’esclusione dei giovani dal protagonismo civile, politico e della solidarietà è un gravissimo errore che la nostra società, sempre più spesso, commette senza valutare la conseguenza di recidere il legame fra i cittadini e fra le giovani generazioni, negandosi così ogni idea di futuro e sancendo la propria morte naturale. Questa premessa deve far riflettere nell'ottica di elaborare un progetto grazie al quale i giovani si sentano finalmente membri consapevoli e attivi della propria comunità, responsabili dei beni comuni e difensori del territorio urbano e sociale in cui vivono. Più in particolare, i giovani che tornano dai campi di lavoro sulle terre confiscate alla mafia possono essere i tutor di studenti e studentesse delle scuole superiori che intendono avvicinarsi all’impegno civile e sociale. Insieme, e con la partecipazione di esperti, possono elaborare dei progetti di conoscenza, monitoraggio e salvaguardia del territorio in cui vivono. Tutte queste attività hanno l’obiettivo di far maturare da un lato la consapevolezza del territorio in cui si vive quale bene comune e, dall’altro, offrire ai giovani l’opportunità di un nuovo protagonismo che irrompe nella società civile e politica per offrire le loro competenze, le sollecitazioni, i bisogni, il disegno di una comunità di cui sono membri a pieno titolo. Per informazioni: www.antoninocaponnetto.it