Home > Webzine > Il futuro di San Firenze dopo i 100 luoghi
mercoledì 07 dicembre 2022

Il futuro di San Firenze dopo i 100 luoghi

29-09-2011
Mercoledì 28 settembre alle ore 21, si sono svolte a distanza di un anno 100 assemblee per mettere i cittadini al corrente dei progetti che verranno fatti a Firenze, e uno dei luoghi di maggior interesse è stata la Piazza di San Firenze.
All'assemblea hanno partecipato: il Sindaco di Firenze Matteo Renzi, l'Assessore alle Politiche Giovanili Cristina Giachi, l'architetto Italo Rota, il co-presidente Gail Dexter Lord della Lord Cultural Resources, tra le più importanti aziende al mondo di progettazione e consulenza in ambito culturale, e l'architetto Enrico Marinelli.
L'assemblea è stata aperta con una breve introduzione del Sindaco, che ha elencato i punti più importanti della futura trasformazione di San Firenze, come la pedonalizzazione che ridarà prestigio e qualità alla piazza e al Bargello.
Successivamente è intervenuto l'architetto Italo Rota, che attraverso una serie di immagini, ha fatto alcune proposte in merito all'uso del Tribunale. L'architetto vedrebbe per questo luogo un futuro rivolto soprattutto ai giovani, che unisca tecnologia e cultura senza però alterare l'edificio con inutili ristrutturazioni in quanto la creatività si svilupperà anche grazie all' influenza della bellezza dell'edificio. Le immagini, infatti, rappresentavano alcuni esempi di antiche strutture che hanno inserito al loro interno elementi moderni mantenedo però intatta l'anima e la struttura del luogo creando un nuovo impatto visivo.
Dopo Italo Rota ha preso la parola Gail Dexter Lord  insieme all'architetto Marinelli e hanno presentato il progetto "S.A.N.": Science, Art and New Technology.
Il progetto si baserà su 4 punti: il turismo, le nuove generazioni, il settore culturale, la moda e il design. Questo elenco evidenza in modo sintetico il progetto generale, che creerà un luogo adatto allo scambio culturale tra i giovani delle università italiane e straniere e che proporrà eventi innovativi che uniranno energia e creatività, il tutto avrà come unici limiti: la massima qualità e l'eliminazione degli aiuti pubblici.
Gail Dexter Lord si pone come obiettivo principale di proporre un luogo che attragga i giovani che vogliono mettersi in gioco, che avvicini le nuove generazioni alla cultura, cambiando così l' idea che i giovani hanno della loro città.
Enrico Marinelli ha supportato il progetto S.A.N. sottolineando l'importanza di un luogo dedito alla ricerca, alla tecnologia e alla sperimentazione, per impedire soprattutto il fenomeno della fuga dei cervelli che sta danneggiando il nostro paese. Anche lui punta molto sulla creazione di un nuovo centro di apprendimento e sperimentazione per le generazioni che vogliono crearsi un futuro.
Infine ha preso la parola l' Assessore Giachi che espresso in concreto così accadrà a San Firenze e al Tribunale una volta che sarà lasciato libero dai magistrati. Per San Firenze si avrà la pedonalizzazione e lo spostamento dei venditori ambulanti, inoltre Cristina Giachi rassicura la cittadinanza che l'edificio non verrà mai chiuso, ma  verrà subito utilizzato per i 500 anni di Vespucci e che sarà sempre accessibile a chiunque lo voglia visitare, mentre il progetto S.A.N. va avanti.
L'Assessore ha la volontà di creare "un luogo di energia culturale e sociale per ogni cittadino, elimando così quella visione turistica della piazza".
Per concludere la serata è stata data la parola ai cittadini che hanno espresso le loro proposte in merito sull'utilizzo del luogo, molti si sono concentrati sui giovani, le università e la ricerca, altri hanno posto l'attenzione sulla cura del contesto urbano e sulla qualità del luogo.

di Eleonora Pieri