Home > Webzine > Sfida al vertice al Franchi: Fiorentina-Lazio. Le probabili formazioni
sabato 06 giugno 2020

Sfida al vertice al Franchi: Fiorentina-Lazio. Le probabili formazioni

26-10-2012
Ripensare alle sviste arbitrali che hanno caratterizzato Chievo-Fiorentina – clamoroso il rigore non concesso a Roncaglia - è un errore che la squadra di Montella deve assolutamente evitare.
Anche perché i viola non hanno espresso lo stesso gioco delle partite passate, con una manovra e un possesso palla meno fluidi del solito. Avrà sicuramente inciso la stanchezza dei nazionali in giro per le qualificazioni ai prossimi mondiali.
Domenica a Firenze arriva la Lazio e i tifosi viola sono di nuovo pronti per riassaporare l’atmosfera di un'altra sfida al vertice dopo quella contro la Juventus. Molto probabilmente non ci sarà il tutto esaurito ma allo stadio Franchi è atteso il pubblico delle grandi occasioni. Perché di grande occasione la partita contro i biancocelesti  si tratta. Dopo la vittoria contro il Milan per 3-2, la Lazio è ora una delle più accreditate concorrenti della Juventus per la vittoria finale, insieme a Napoli e Inter. Non sarà facile perché la squadra bianconera, superiore in qualità e quantità, sembra destinata a correre un “campionato a parte” ma a Roma l’entusiasmo dei tifosi laziali è forte e contagioso. Tanto che molti già parlano di scudetto.
Se in trasferta la Fiorentina ha avuto non poche difficoltà conquistando appena due punti in quattro partite, in casa la squadra viola è una vera e propria “macchina da guerra”, grazie a tre vittorie e un pareggio.
Ma a rendere ancora più interessante la partita di domenica sarà anche la presenza di quel Miroslav Klose autore del famoso gol in fuorigioco ai tempi del Bayern Monaco in Champions League e da poco premiato, per oscuri motivi, con il cartellino viola.
E’ chiaro che per portare a casa i tre punti, la Fiorentina dovrà sicuramente cambiare registro in attacco. C’è un interessante dato statistico da prendere in considerazione: sono solo nove le reti segnate dai viola di cui cinque da Jovetic. La Lazio ha invece il secondo attacco della Serie A con 15 gol; ai biancocelesti sono sufficienti 8 tiri verso la porta o nello specchio per segnare, alla squadra di Montella ne servono 15, poco meno del doppio.
Gli altri attaccanti della Fiorentina non hanno ancora dato il loro giusto contributo alla causa viola: Ljajic, El Hamdaoui, grande scommessa della premiata ditta Pradè-Macía, e Seferovic sono ancora tutti a quota zero mentre Toni ha timbrato il cartellino una sola volta, contro il Catania, per di più a porta vuota. Troppo poco per una squadra come la Fiorentina, pronta ad ambire a traguardi importanti dopo anni di purgatorio.
Non è un caso infatti che per il mercato di gennaio circoli il nome di Huntelaar, attaccante dello Shalke 04, autore di quaranta gol in sessantaquattro gare disputate con la maglia biancoblu.
Il contratto del giocatore olandese è in scadenza nel giugno 2013; se non rinnoverà, la squadra tedesca potrebbe cederlo. Resta comunque forte l’interessamento di Lazio e Juventus.
L’alternativa è Bergessio, allenato da Montella lo scorso anno a Catania e già accostato alla Fiorentina in estate. Non sarà però operazione di mercato facile perché il presidente Pulvirenti chiede per il giocatore almeno cinque, sei milioni di euro.
Per la partita contro la Lazio, Savic prenderà il posto dello squalificato Roncaglia in difesa. Ma quella del difensore argentino non sarà l’unica assenza importante per la Fiorentina: non ci sarà nemmeno l’architetto del centrocampo Pizarro. Ad affiancare Borja Valero dovrebbe essere Olivera, titolare contro il Bologna. Dubbi riguardano il terzo mediano. E’ disponibile solo una poltrona per…tre: Romulo, Migliaccio o Matias Fernandez. Tornerà a disposizione anche Alberto Aquilani; smaltito l’infortunio, l’ex Milan partirà dalla panchina.
In attacco il punto interrogativo riguarderà ancora una volta – e sarà così almeno fino a gennaio – il compagno di reparto di Jovetic. Luca Toni sembra leggermente in vantaggio su Ljajic ed El Hamdaoui. Ancora indisponibile Camporese per una tendinopatia rotulea.
La Lazio, reduce dall’1-1 di giovedì contro il Panathinaikos, dovrà fare a meno di Radu, Diakite, Ederson e Marchetti.
Queste le probabili formazioni:
Fiorentina: Viviano, Tomovic, Gonzalo Rodriguez, Savic, Cuadrado, Fernadez, Borja Valero, Olivera, Pasqual, Jovetic, Toni.
Lazio: Bizzarri, Konko, Biava, Dias, Lulic, Ledesma, Candreva, Gonzalez, Hernanes, Mauri, Klose.

Stefano Niccoli