Home > Webzine > 7a edizione de ''La Piazza delle Lingue'' a cura dell'Accademia della Crusca
sabato 24 ottobre 2020

7a edizione de ''La Piazza delle Lingue'' a cura dell'Accademia della Crusca

14-11-2013

Giovedì 14, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2013 si terrà a Firenze la 7a edizione de "La Piazza delle Lingue", manifestazione dell'Accademia della Crusca dedicata ai problemi del multilinguismo e intitolata quest'anno "Lingue e Diritti". La manifestazione rappresenta per l'Accademia il momento più significativo di comunicazione diretta con un pubblico più ampio. Ancora una volta, nella "Piazza 2013", attraverso una serie di iniziative, si coniugheranno riflessione linguistica avanzata ed esigenze di informazione. Quest'anno si affronteranno, facendo convergere il punto di vista giuridico e quello linguistico, i problemi delle minoranze linguistiche storiche e nuove, legate cioè ai recenti flussi migratori. Altro tema che sarà sviscerato nel corso delle tre giornate sarà quello della lingua come fattore fondamentale per l'integrazione sociale e politica.Le sedi della rassegna saranno il Palazzo Incontri e la Villa Medicea di Castello. La Piazza 2013, però, si aprirà giovedì 14 presso il Palazzo Medici Riccardi con una tavola rotonda sulla lingua della discriminazione, con una particolare attenzione alla persistenza di stereotipi e di un certo lessico contro le donne. Nell'evento, inoltre, sono previsti due importanti eventi musicali che faranno capire come, attraverso la musica e i testi, si cerchino di appianare certi conflitti che sembrano irrisolvibili: la lingua come comunicatore e come strumento usato per unire i popoli. La manifetazione, infine, si chiuderà con un incontro su letteratura e diritto che permette di cogliere i molti intrecci tra queste due aree, fondamentali nella vita di ciascuno di noi.
"La Piazza delle Lingue 2013 è stata organizzata grazie ad una grande collaborazione fra una pluralità di enti, che insieme hanno anche provveduto a creare il cartellone dell'evento.- spiega Nicoletta Maraschio, Presidente dell'Accademia della Crusca, durante la conferenza stampa di presentazione- Siamo giunti così alla settima edizione e questo è per noi un elementomolto positivo: vorrei, però, che Firenze, che è la culla della lingua italiana, riuscisse ad organizare un vero e proprio "festival della lingua", in cui si possa discutere dei problemi del nostro idioma e che potrebbe attirare senza dubbio un pubblico più ampio. Il nostro obiettivo, per adesso, rimane sempre quello di preservare l'italiano e valorizzarlo all'interno, come ben sappiamo, di un multiculturalismo sempre più marcato". A presentare la manifestazione ci pensa poi Domenico De Martino, coordinatore ed organizzatore de "La Piazza": "Quest'anno non affronteremo solo problemi teorici, ma anche di enunciati concreti e che ognuno di noi può constatare. Tutti gli incontri della tre giorni, infatti, sono strettamente collegati alla realtà e alla quotidianità: temi come la discriminazione, l'integrazione, le minoranze linguistiche e il rapporto con l'ordinamento sono molto attuali e in questi, il linguaggio ha una grande importanza". L'organizzazione dell'evento è stato reso possibile da più enti che hanno collaborato per raggiungere lo stesso traguardo: la Fondazione CESIFIN, l'Associazione Amici dell'Accademia della Crusca, l'Istituto di Teoria e Tecniche dell'Informazione Giuridica e il Dipartimento di Scienze giuridiche dell'Università di Firenze. Proprio in rappresentanza di quest'ultimo ente, ha parlato il professore Andrea Cardone, che ha dichiarato cosa esporrà il Dipartimento durante la rassegna. "Presenteremo il nostro progetto di ricerca di interesse nazionale sulla tutela delle minoranze linguistiche. Faremo capire quali sono i limiti e le finalità della tutela giuridica delle lingue nel nostro Paese e se le leggi attuali sono abbastanza strutturate o se ne servirebbero di nuove per meglio conformarci al contesto storico contemporaneo". Si preannuncia, quindi, una manifestazione davvero ricca di spunti e completa, che toccherà alcuni punti chiave della nostra società e della nostra cultura contemporanea.

Per informazioni: www.accademiadellacrusca.it

AS