Home > Webzine > ''Capannucce in città''. Il presepe per riscoprire il valore del Natale
mercoledì 30 novembre 2022

''Capannucce in città''. Il presepe per riscoprire il valore del Natale

26-11-2013

Torna anche quest'anno a Firenze "Capannucce in città", la manifestazione che da dodici anni premia i bambini e le famiglie che realizzano il presepe in occasione del Santo Natale. Lo scopo, dei più nobili, è quello di riportare l'attenzione sul vero significato di questa festività, al di là delle tradizioni consumistiche e laiche. Un ritorno alla concretezza e alla semplicità che è stato accolto con entusiasmo dai fiorentini, diventati sempre più numerosi di anno in anno: 23.000 coloro che hanno partecipato nelle passate edizione, di cui oltre 3.600 solo nella scorsa.
"Capannucce in città" non è un concorso nel senso tradizionale del termine: non sono previsti vincitori, o meglio, tutti sono vincitori. Infatti ogni partecipante verrà premiato con un attestato e un piccolo ricordo (una stella cometa raffigurante la Sacra Natività) realizzato quest'anno da una azienda di oggettistica sacra del territorio toscano. Anche i negozianti e gli artigiani potranno partecipare alla manifestazione, allestendo il presepe nelle proprie vetrine. I bambini riceveranno il premio direttamente dalle mani del Cardinale Betori, il 5 gennaio nella chiesa di San Gaetano a Firenze. Domenica 8 dicembre inoltre benedirà i Bambinelli al termine della messa, delle 10.30, nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore.
Ma gli organizzatori della manifestazione hanno deciso di realizzare un'ulteriore iniziativa: invitare i bambini a scrivere una lettere al Santo Padre, nella quale raccontare come e perchè fanno il presepe e chiedere anche anche a lui di partecipare, se non in presenza almeno in spirito, alla premiazione del 5 dicembre. Le lettere saranno portate al Pontefice insieme alle foto che documentano i dodici anni di Capannucce in città ed a un piccolo presepe in legno. D'altra parte l'attuale Vescovo di Roma ha scelto il nome di Francesco, e non a caso è stato proprio San Francesco a "inventare" il presepe nel 1300.
Per iscriversi gratuitamente basta rivolgersi alle parrocchie o alla scuole e inviare una mail con i nomi e cognomi dei bambini (di ogni età), oppure collegarsi al sito www.capannucceincitta.it o alla relativa pagina Facebook.

AB