Home > Webzine > Fiorentina-Dnipro, Montella: ''Non abbiamo la mentalità per pensare al pareggio''
martedì 27 ottobre 2020

Fiorentina-Dnipro, Montella: ''Non abbiamo la mentalità per pensare al pareggio''

12-12-2013

Dopo la sconfitta con la Roma per 2-1 e prima del derby dell’Appennino col Bologna in programma domenica 15 dicembre alle 15 al Franchi, la Fiorentina sfiderà giovedì 12 il Dnipro in Europa League. Calcio d’inizio alle 19. I viola sono in testa al Girone E a quota tredici punti, uno in più degli ucraini. Montella spronerà i suoi a vincere per arrivare primi nel girone e per non incorrere, durante il sorteggio di lunedì 16 a Nyon, nell’accoppiamento con una delle migliori terze squadre provenienti dalla Champions.

Per quanto riguarda la probabile formazione, l’aeroplanino dovrebbe tenere a riposo alcuni elementi, tra cui capitan Manuel Pasqual e Giuseppe Rossi, quest'ultimo apparso non al meglio sia contro il Verona sia contro i giallorossi di Rudi Garcia. A centrocampo, sicuro titolare Massimo Ambrosini, squalificato col Bologna; in avanti Ryder Matos, bomber di coppa, e Josip Ilicic. L’ex Palermo sta deludendo le attese, per lui potrebbe essere l’ultima chance concreta di restare a Firenze fino al prossimo giugno. Probabili titolari anche Bakic e Iakovenko, non convocati all’Olimpico.

Dalla sala stampa "Manuela Righini" dello stadio Artemio Franchi, le parole di Vincenzo Montella e Matos Ryder:

Montella: "Non siamo capaci di avere una mentalità per pareggiare. Siamo stati costruiti per fare gioco, la nostra difficoltà maggiore è quando siamo costretti a difendere. Dovremo tenere il Dnipro lontano dalla nostra area.
E' sempre più comodo giocare subito dopo un ko, al di là di come arriva la sconfitta. E' importante parlare della partita perché in questo momento è importante. Ci giochiamo un primo posto che ci potrebbe agevolare nel sorteggio.
La Champions ha un livello di partite molto differente sotto l'aspetto fisico rispetto alla nostra competizione. Nella seconda fase dell'Europa League ci saranno gare all'altezza della Champions. Il Dnipro è una squadra forte, lo abbiamo visto all'andata e ci teniamo ad arrivare primi. Ci aspetta una partita difficile.
Sarà importante sia la gara di domani sia quella col Bologna. Dobbiamo arrivare primi per onorare la competizione. Domani giocherà la squadra che reputo migliore anche in base alle caratteristiche dell'avversario.
Ogni partita è un test sia per me che per la squadra. La partita dell'andata, con quel furore agonistico messo in campo, deve essere il punto di partenza. C'era l'orgoglio della squadra e dei singoli. Lì ho visto un furore maggiore che ci dovrebbe essere sempre anche in campionato.
La Juventus eliminata dalla Champions?Una finalista d’Europea League ce l'abbiamo già.
L’assenza di Gomez? Cambia poco la formazione, dato che non ce lo abbiamo mai avuto.
Chi sarà titolare in porta giovedì? Vedremo.
Noi dobbiamo provare a vincere, non credo che al Dnipro non interessi arrivare primo.
Non cambia nulla col 3-5-2. Noi abbiamo determinate caratteristiche e l'atteggiamento della squadra è determinato dalle specificità dei giocatori
".

Matos: "L'Europa League è una delle competizioni più importanti in Europa, è stato importante fare tanti gol e spero di poterne fare tanti altri.
Il Dnipro è la squadra più forte tra quelle cha abbiamo affrontato. In Ucraina fu una partita difficile ma per fortuna abbiamo vinto.
Quale partita sogno di rivivere? Sicuramente quella col Paços perché ho fatto il mio esordio ed ho fatto anche rete; quella la vorrei rigiocare. In tutte le partite che ho fatto in Europa ho dato il mio massimo. Spero di continuare così.
La lezione imparata in Romani col Pandurii? Secondo me è stata una lezione, in Romania non siamo andati con la mentalità giusta ed abbiamo rischiato di perdere la partita. Domani non faremo questo errore
".

Le probabili formazioni:
Fiorentina: Neto, Roncaglia, Gonzalo, Compper, Alonso, Mati Fernandez, Ambrosini, Borja Valero, Ilicic, Iakovenko, Matos.
Dnipro : Bojko, Mandzjuk, Fedec'kyj, Ceberjacko, Douglas, K'ank'ava, Matheus, Rotan, Konopijanka, Zozuija, Selezn'ov.

di Stefano Niccoli