Home > Webzine > Fiorentina, tre punti col Sassuolo per chiudere in bellezza il 2013
mercoledì 20 novembre 2019

Fiorentina, tre punti col Sassuolo per chiudere in bellezza il 2013

21-12-2013

Se il calcio avesse una logica, Sassuolo-Fiorentina sarebbe una partita prevedibile e dal risultato scontato. A favore dei viola, naturalmente. Questa sensazione diventa ancor più netta dopo l’ultimo turno di campionato. I neroverdi sono stati letteralmente spazzati via dalla Juventus con un sonoro 4-0. I gigliati, invece, hanno dato una vera e propria lezione di calcio al Bologna, ko al Franchi 3-0. Ma mister Vincenzo Montella sa benissimo che tutti gli incontri nascondono delle insidie, specialmente se affrontati senza la giusta concentrazione e cattiveria agonistica.

Come contro i felsinei domenica scorsa, dovranno essere bravi Pasqual & Co. a rendere facile il match cercando di segnare nei primi quarantacinque minuti per evitare ansie eccessive, oltre che per risparmiare energie fisiche e mentali. Una regola che vale sempre, ancor di più con le cosidette piccole. Il Sassuolo, data la netta inferiorità tecnica, opterà probabilmente per un atteggiamento catenacciaro, puntando sul contropiede. Per questo, far gol potrebbe rivelarsi – ma ci auguriamo di no – abbastanza difficile.

Non sarà una passeggiata di salute. La Serie A ha dimostrato che squadre meno dotate sul piano del palleggio e delle individualità possono dare parecchio fastidio a quelle di maggior classe e fantasia. E poi, i padroni di casa avranno la spinta del pubblico. Con i toscani sarà l’ultima volta al Mapei Stadium nel 2013 e la formazione di Eusebio Di Francesco vorrà fare un regalo di Natale ai suoi tifosi.

Ma la Fiorentina non può assolutamente permettersi di "toppare" un appuntamento sì ostico, ma assolutamente alla portata. Soprattutto per motivi di classifica. I viola adesso sono quarti a quota trenta, più due sull’Inter. E proprio i nerazzurri potrebbero perdere altro terreno domenica sera nel derby con il Milan. Il terzo posto, distante cinque lunghezze, è occupato dal Napoli, ospite sabato del Cagliari. Per gli uomini di Benitez sarà complicato conquistare i tre punti al San’Elia, vista l’accesa rivalità che i sardi hanno verso i partenopei.

Dalla sala stampa "Manuela Righini" dello stadio Artemio Franchi, le parole di Vincenzo Montella:

"Purtroppo nell'utima partita dell'anno c'è spesso tanta distrazione, si rschia che i giocatori pensino alle vacanze.
Il Sassuolo è una squadra molto equilibrata, ha attaccanti importanti e hanno fatto dei risultati interessanti. Per esempio hanno fatto 4 gol in trsferta alla Sampdoria. Ci sarà bisogno della massima concentrazione per sopperire alle difficoltà che incontreremo.
Gomez? La sua presenza ci avrebbe dato qualcosa in più che adesso ci manca. Pizarro? Il problema fisico è alla schiena, ma non so spiegarlo in termini medici. Ogni tanto il dolore riappare.
Berardi? Ne abbiamo parlato in passato. Di Francesco è un amico, fa piacere incontrarlo in A, vorrà prevalere sull’avversario ovviamente.
Gli allenamenti durante la sosta? I giocatori hanno un programma di allenamenti di una settimana, ma non tutti lo seguiranno. Non faremo nessun richiamo di preparazione. L’anno scorso abbiamo corso tanto, soprattutto nella partita del 6 gennaio col Pescara. A livello mentale possiamo fare qualcosa di diverso.
Di Francesco? E’ stato un fratello maggiore ad Empoli, poi ci siamo trovati a Roma. Mi piace la sua idea di calcio propositiva, la squadra sa sempre come comportarsi.
Joaquin e Ilicic? Ilicic sta bene, sta crescendo. Joaquin si è allenato solo stamattina (sabato 21 mattina, ndr), è molto contratto.
Gonzalo e Cuadrdo? Sono giocatori insostituibili, ma abbiamo giocatori che possono far bene al loro posto.
Pizarro? Riusciamo a sopperire alla sua assenza, quando sta bene fa comodo a ogni squadra.
Gli acquisti importanti costano parecchio. A gennaio vedremo cosa potremo fare sul mercato. Andrea Della Valle ha fatto tanto sino ad oggi, e farà ancora tanto. Dobbiamo però sempre rimanere nei nostri limiti.
Vargas? Dipende solo da lui, non avevo pregiudizi sul suo conto. Ci sta dando motivazioni e forza, è un giocatore recuperato a tutti gli effetti.
La Fiorentina da due anni in cima alla classifica? Confermarsi è sempre più complicato. E’ un vanto aver dimostrato questa continuità. Il nostro obiettivo è rimanere in alto sapendo però che è molto complicato. Ciò che conta è avere continuità.
Non ci sarà nessun calo di tensione nonostante il periodo di festa.
Gattuso e Brocchi e lo scandalo scommesse? Non l'ho seguito molto. Ho provato disgusto a vedere Brocchi e Gattuso in prima pagina. Conosco Rino da tanti, la sua è una associazione benefica. La chiarezza verrà fuori come sempre.
Domani decima vittoria in trasferta? Dobbiamo ancora giocare, casomai ci penseremo dopo la partita.
Chi è migliorato in questo 2013? Nell’ultimo periodo è cresciuto molto Wolski, potrà sembrare strano visto gioca poco. I suoi progressi cono continui. Diventerà un giocatore importante per la Fiorentina.
Col Sassuolo incontro imprevedibile? E’ una partita delicata che può fare la differenza nel corso della stagione. E’ una squadra astuta che sa come mettere in difficoltà gli avversari. Senza la giusta concentrazione rischiamo di fare brutte figure. Dovremo essere bravi a stanarli
".

Le probabili formazioni:
Sassuolo: Pegolo, Antei, Bianco, Marzorati, Gazzola, Kurtic, Marrone, Longhi, Berardi, Zaza, Floro Flores
Fiorentina: Neto, Tomovic, Compper, Savic, Pasqual, Aquilani, Pizarro, Borja Valero, Ilicic, Vargas, Rossi

di Stefano Niccoli