Home > Webzine > Rossi va ko, Fiorentina alla ricerca di un attaccante
martedì 27 ottobre 2020

Rossi va ko, Fiorentina alla ricerca di un attaccante

07-01-2014

Lesione di secondo grado con sollecitazione del legamento collaterale mediale del ginocchio destro. Questa l’entità dell’infortunio patito da Giuseppe Rossi nel derby contro il Livorno. Poteva andare peggio, inizialmente si ipotizzava addirittura la rottura del crociato. La carriera dell’ex Villareal non è a rischio, ma la sua stagione potrebbe essere già finita. I tempi di recuperi sono stimati in circa tre-quattro mesi. Dopo gli esami effettuati al Cto di Careggi nella mattinata dell’Epifania, Pepito volerà a Vail (Colorado) per una visita dal dottor Steadman: sarà lui a dare la diagnosi definitiva e a dire se il giocatore dovrà operarsi. A forte rischio i Mondiali brasiliani di giugno.

Numerosi i messaggi d’affetto arrivati al capocannoniere della Serie A: "Non mollare campione, hai fatto vedere a tutti chi sei", ha scritto Jovetic su Twitter, "Siamo tutti con te Pepito, aspettiamo i tuoi gol", il post del compagno di squadra Gonzalo Rodriguez, "Mi dispiace tantissimo per Rossi, così come mi dispiace per la Nazionale italiana e per la Fiorentina. Questa è una bruttissima notizia per il calcio in generale, Pepito incarna i veri valori di questo sport. L’ho avuto con me a Parma e mi è piaciuto fin da subito: è un ragazzo stupendo, un grande giocatore. Forza Pepito, tornerai più forte di prima", ha detto Arrigo Sacchi, "In bocca al lupo Giuseppe, l’Italia ti aspetta. Per quello che ha passato, Giuseppe ha una gran forza di carattere, sa quanto lo stimiamo", le parole del Ct Cesare Prandelli all’Ansa.

Insomma, davvero tanta sfortuna in casa gigliata. Prima Mario Gomez, con il tedesco fuori dai giochi dal 15 settembre e disponibile, forse, il 26 gennaio col Genoa; adesso Rossi. La coppia potenzialmente più forte del torneo sembra destinata a rimanere "chiusa nel cassetto". Molto probabilmente – se non sicuramente – bisognerà attendere il prossimo campionato per rivedere i due in campo insieme 
Con l’incidente subìto dall’italo-americano, le strategie di mercato del club viola cambieranno inevitabilmente. La Fiorentina è diventata una squadra "spuntata", in attacco gli unici superstiti sono Matos Ryder e Rebic. Tra i candidati a sostituire Pepito, Abel Hernandez e Fabio Quagliarella. Sul primo, autore di undici gol in Serie B col Palermo, Pradè e Macià ci stanno facendo un pensierino, anche alla luce dei buoni rapporti con i rosanero (vedere alla voce Ilicic). Per il secondo, il nodo principale è rappresentato dai rapporti col Ds della Juventus, Beppe Marotta. Il centravanti napoletano si trasferirebbe volentieri in Toscana considerando i mesi difficili che sta trascorrendo a Torino. Altro nome, quello del Papu Gomez, impegnato in Ucraina col Metalist. Praticabili anche le piste Maxi Lopez (Catania) e Rolando Bianchi (Bologna). Dall’Inghilterra, la dirigenza potrebbe provare a riportare in Italia Osvaldo (Southampton) o Stevan Jovetic (Manchester City), ma le precarie condizioni fisiche e l’elevato ingaggio del montenegrino starebbero bloccando tutto.
Sarà un gennaio molto caldo per gli uomini di mercato della Fiorentina.

Stefano Niccoli