Home > Webzine > Fiorentina-Genoa 3-3: viola orgogliosi ma beffati
giovedì 14 novembre 2019

Fiorentina-Genoa 3-3: viola orgogliosi ma beffati

27-01-2014

La Fiorentina pareggia 3-3 in casa contro il Genoa e vede sfumare un’importante opportunità di accorciare le distanze sul Napoli e sul terzo posto. I viola hanno giocato una partita di grande orgoglio e impegno, che però non è bastato a portare a casa tre punti contro i rossoblù di Gasperini, anche a causa degli errori della cinquina arbitrale. Ancora una volta la squadra di casa è stata danneggiata in più di una circostanza: due goal degli ospiti infatti erano irregolari, rispettivamente per rigore inventato e fuorigioco, mentre ai gigliati è stato annullato ingiustamente la quarta rete, che avrebbe potuto significare il colpo del definitivo ko. Il tecnico Montella ha dovuto rinunciare allo squalificato Rodriguez e agli infortunati Gomez, Rossi, Valero e Tomovic, schierando Neto in porta, Pasqual, Savic, Compper e Roncaglia in difesa,  Aquilani, Ambrosini e Pizarro a centrocampo e Cuadrado, Matri e Joaquin in attacco.

Dopo venticinque minuti di equilibrio è il Genoa a passare in vantaggio con Gilardino su rigore e allo stesso modo Aquilani riesce a pareggiare cinque minuti dopo.  Neanche il tempo di esultare e un rimpallo perso da Pizarro permette ad Antonini di trovarsi da solo davanti a Neto e di portare di nuovo avanti la sua squadra. La Fiorentina tuttavia non si perde d’animo e fissa il risultato sul 2-2 all’intervallo, con Aquilani che di destro batte di nuovo Perin. Nella seconda frazione i padroni di casa mostrano di voler vincere a tutti i costi e dopo meno di un quarto d’ora ancora Aquilani segna con un preciso e potente diagonale. A quel punto i viola non riescono a chiudere il match per mancanza di cinismo e forse anche a causa della stanchezza; Montella sostituisce i giocatori più a corto di fiato, permettendo anche l’esordio del neo-acquisto Anderson. Questo tuttavia non impedisce ai rossoblù di ottenere il pareggio, con De Maio che butta la palla in rete in porta da tre metri sullo sviluppo di un calcio d’angolo. Gli ultimi quindici minuti vedono i gigliati costruire inutilmente altre azioni da goal fino al triplice fischio, quando i tifosi ricoprono di fischi l’arbitro e i suoi assistenti e applaudono comunque la propria squadra per l’impegno dimostrato.

Adesso la Fiorentina potrà riposarsi per almeno un giorno prima di dedicarsi alla delicata sfida di sabato alle ore 18 in trasferta contro il Cagliari. Sarà sicuramente a disposizione Gonzalo Rodriguez, che ha scontato il turno di squalifica, mentre Mario Gomez potrebbe finalmente rientrare nella lista dei convocati e accomodarsi in panchina.

Matteo Fabiani