Home > Webzine > Coni Toscana: Salvatore Sanzo presenta il bilancio del suo primo anno da Presidente
martedì 27 ottobre 2020

Coni Toscana: Salvatore Sanzo presenta il bilancio del suo primo anno da Presidente

29-01-2014

Mercoledì 29 Gennaio, il Presidente del Coni Toscano Salvatore Sanzo ha presentato il bilancio del suo primo anno di presidenza, nella sala incontri del Coni Toscano (Viale Milton, Firenze). Una conferenza stampa in cui sono state illustrate sia le attività svolte in questo primo scorcio di mandato, sia gli obiettivi che caratterizzeranno l'operato futuro del Coni. Partendo dagli aspetti chiave di questi dodici mesi l'ex olimpionico di scherma ha sottolineato l'importanza del ritrovato feeling tra Coni e Istituzioni, in particolare la Regione Toscana, in nome di una collaborazione che cerchi di avvicinare ulteriormente la realtà sportiva a quella quotidiana di cui la politica si fa rappresentante e che ha avuto come primo segnale tangibile la creazione di un protocollo d'intesa con l' Uncem, sportello formativo per potere informare i cittadini sulle attività sportive svolte nel territorio toscano. Guardando al futuro, invece, diverse sono le linee programmatiche attorno alle quali l'operato del Coni sarà indirizzato. In primis la volontà di investire nella salute e nello sport attraverso il contatto con le ASL e le Scuole di Scienze Motorie e offrendo da un lato la possibilità di esercitare attività motoria fin dalle scuole elementari, dall'altro creando un'impiantistica consona allo svolgimento di eventi sportivi allargando il contenuto della legge sugli stadi a tutte le discipline sportive di fronte alla grande richiesta di fare sport. Non solo, l'attenzione sarà rivolta anche alla formazione; per questo si sta cercando di allestire la Scuola Regionale dello Sport, con l'obiettivo di formare dirigenti e allenatori dopo il successo delle due iniziative tenute in questo anno a Tirrenia e a Firenze. Infine il Coni Toscano ha in mente anche uno spostamento fisico: Da Viale Milton la sede si dovrebbe infatti trasferire nella "Casa dello Sport", in via Baracca, in modo tale da includere al suo interno tutte le federazioni sportive interessate e dar forza all'intero movimento. Il tutto realizzato attraverso lo strumento della comunicazione, intesa come strumento di trasparenza, vicinanza, condivisione, partecipazione e diffusione della cultura sportiva nel territorio.

di Duccio Mazzoni