Home > Webzine > Fiorentina-Sassuolo 0-0: nuova battuta d’arresto per i viola
domenica 17 novembre 2019

Fiorentina-Sassuolo 0-0: nuova battuta d’arresto per i viola

25-09-2014

La Fiorentina termina la sfida infrasettimanale contro il Sassuolo al Franchi con uno scialbo 0-0 che delude molto tifosi e giocatori e mette di nuovo in discussione le concrete possibilità della squadra di raggiungere un piazzamento europeo.

Ancora una volta i gigliati hanno dimostrato scarsa incisività e concretezza sotto porta e infatti non si sono dimostrati quasi mai pericolosi. Il fatto che per la terza volta consecutiva non siano stati presi goal al passivo è solo una magra consolazione, che di certo non compensa la miseria di una sola rete realizzata in quattro match di campionato: al di là dell’elemento sfortuna, che comunque di certo non contribuisce a portare a casa i tre punti, sembra che i meccanismi di gioco siano ancora da oliare, soprattutto nel settore offensivo, dove arrivano ben pochi palloni giocabili. Il tecnico Montella ha dovuto rinunciare, oltre a Rossi, anche a Mario Gomez, che starà fuori almeno tre settimane per un problema muscolare: sono stati schierati Neto in porta, Rodriguez, Savic, Alonso e Tomovic in difesa, Valero, Kurtic, Aquilani a centrocampo, Babacar, Cuadrado e Joaquin in attacco.

Nella prima mezz’ora sono i padroni di casa a sembrare più in forma, anche se non riescono a trovare occasioni concrete per sfondare e il primo tempo finisce in un continuo succedersi di retropassaggi e azioni d’attacco sprecate. Nel secondo tempo la musica non cambia: l’unico episodio degno di nota è il palo di Valero a portiere battuto. Per il resto, nonostante l’ingresso in campo di Ilicic, Bernardeschi e Fernandez, la partita non si sblocca e si conclude con un assedio alla porta degli emiliani senza però che la situazione si sblocchi.

In attesa di giocare la seconda partita in Europa League settimana prossima, i gigliati dovranno preparare la prossima partita di campionato in trasferta contro il gemellato Torino: ancora una volta il tecnico sarà costretto, visti gli scarsi risultati ottenuti fino ad ora, a rimescolare le carte, schierando una formazione il più aggressiva possibile. Anche se siamo solo alla quarta giornata di campionato infatti, per la Fiorentina già adesso sarà vietato commettere altri passi falsi.


Matteo Fabiani