Home > Webzine > Paok Salonicco-Fiorentina, Montella: “Potrebbe essere la partita decisiva per il passaggio del turno”
venerdì 22 novembre 2019

Paok Salonicco-Fiorentina, Montella: “Potrebbe essere la partita decisiva per il passaggio del turno”

22-10-2014
La sconfitta contro la Lazio brucia ancora, ma la Fiorentina ha subito una possibilità per tornare a sorridere. Giovedì 23 ottobre alle 19, la formazione di Montella affronterà in Europa League il Paok Salonicco in trasferta. La partita con i greci è la più insidiosa del girone K. La formazione di Anastasiadis è prima nel suo campionato, con cinque vittorie e un pareggio in sei giornate, e in casa non perde da un anno e mezzo. 
L'Aeroplanino farà un po' di turnover, anche perché domenica 26 ottobre alle 20.45 al Meazza è in programma la difficile sfida contro il Milan di Pippo Inzaghi. Al posto di Neto ci sarà Tatarusanu. In difesa, rientreranno Basanta nel mezzo, Pasqual a sinistra e Richards a destra. A centrocampo, Borja Valero partirà dall'inizio, mentre Badelj sostituirà Pizarro in cabina di regia. Un match importante per il croato che non è ancora riuscito a incidere da quando è arrivato a Firenze. In attacco, Bernardeschi ha avuto qualche problema alla caviglia dopo la gara con la Lazio, ma contro il Paok dovrebbe giocare regolarmente insieme a Ilicic. Lo sloveno è una delle delusioni di quest'avvio di stagione, quella contro gli ellenici potrebbe essere la sua ultima spiaggia. Intanto, secondo alcune indiscrezioni, sull'ex Palermo avrebbero messo gli occhi i tedeschi del Friburgo, gli inglesi del Leeds e il Sassuolo.
Dallo stadio Toumba di Salonicco, le parole di Vincenzo Montella:
Conosciamo l’ambiente del Paok, è molto caldo e passionale. Penso sia un bene trovare un pubblico di questo tipo. Il Paok è una squadra valida, sarà una partita intensa. Spero di portare a casa un risultato positivo, potrebbe essere la partita decisiva per il passaggio del turno. Mi aspetto una mentalità da grande squadra.
Alcuni giocatori hanno bisogno di più tempo per entrare in forma. Mi aspetto sempre il meglio anche dai calciatori meno impiegati. Non posso rimproverare niente a questa squadra, che è composta da grandi professionisti.
Il Paok Salonicco penso sia superiore al Guingamp. Ci teniamo all’Europa League. Contro la Lazio non meritavamo di perdere, abbiamo giocato un eccellente secondo tempo, è una sconfitta che brucia ancora.
La gara con il Milan? Pensiamo solo alla partita di Europa League. Farò un po’ di turnover. I greci sono bravi a cambiare modulo, il Paok è una squadra molto organizzata e predilige giocare a calcio.
Neto-Tatarusanu? Lo vedrete domani chi giocherà.
La sconfitta della Roma col Bayern Monaco? Non penso ci sia quella differenza tra i giallorossi e i tedeschi. E’ stata una partita nata male.
Il girone di Europa League? Il Paok è la squadra più insidiosa
Le favorite in Europa League? Molto dipenderà dalle squadre che scenderanno dalla Champions. Ad esempio, nel girone della Roma potrebbero scendere la Roma stessa o il Manchester City, due formazioni attrezzate per vincere tutto
Come sempre sarà il campo a dare il responso. Non è giusto giocare pensando almeno di pareggiare.
Marin? E’ cresciuto molto fisicamente, piano piano si sta inserendo. Non può ancora giocare ad un ritmo elevato

di Stefano Niccoli