Home > Webzine > ''Garanzia Giovani'', al via la nuova misura di accompagnamento al lavoro
venerdì 22 novembre 2019

''Garanzia Giovani'', al via la nuova misura di accompagnamento al lavoro

10-04-2015

I dati sulla disoccupazione giovanile in Italia sono allarmanti e mai come oggi la vicinanza da parte della istituzioni si mostra indispensabile: è in questo quadro che rientra la nuova misura di accompagnamento al lavoro prevista dal progetto "Garanzia Giovani" e presentata a Palazzo Strozzi Sacrati dall'assessore regionale alle attività produttive, credito e lavoro Gianfranco Simoncini.
L'obiettivo della nuova misura è aiutare i giovani a trovare le opportunità più adatte al proprio profilo e sostenerli nella ricerca dell'occupazione; per poterlo raggiungere, saranno complessivamente disponibili 3,8 milioni di risorse.

La Regione Toscana è stata la prima ad attivare Garanzia Giovani, portale online rivolto a giovani disoccupati tra i 15 e i 29 anni o non inseriti in percorsi di istruzione e formazione; lanciato il 28 aprile 2014 e integrato, a livello regionale, con il progetto GiovaniSì, sta mostrando primi segnali incoraggianti:
"Garanzia Giovani in Toscana funziona" - ha dichiarato l'assessore Simoncini" - "su 17 mila giovani iscritti al portale, 6.632 hanno avuto contatti con il mondo del lavoro." Nel corso di questo primo anno di esperienza, infatti, sono stati registrati quasi 4.000 tirocini, oltre 1.000 contratti a tempo determinato, 814 contratti di apprendistato e 256 contratti a tempo indeterminato.
Come ha voluto precisare Simoncini, Garanzia Giovani non punta certo a svolgere una "missione salvifica" e a risolvere definitivamente il problema dell'occupazione, ma a creare un circolo virtuoso, di sostegno e tutela.

Nello specifico la nuova misura di accompagnamento al lavoro è destinata alle Agenzie per il lavoro autorizzate a svolgere attività di intermediazione, ricerca e selezione del personale.
Il contributo per l'attività da loro svolta sarà riconosciuto solo al conseguimento del risultato, ovvero l'assunzione del giovane preso in carico mediante la stipula di un contratto di lavoro; gli importi saranno proporzionali alla presenza di condizioni di svantaggio del giovane e alla tipologia di contratto stipulato, andando da un minimo di 600 euro ad un massimo di 3.000 euro.
Al momento hanno aderito 12 delle agenzie di lavoro più importanti e l'auspicio dichiarato da Simoncini è che questo possa essere solo il punto di partenza per molte altre esperienze future.
Le agenzie interessate potranno presentare la propria candidatura entro il 30 giugno 2015 secondo le modalità previste dall'avviso pubblico.

Per maggiori dettagli: www.giovanisi.it

di Alessandra Toni