Home > Webzine > Fiorentina-Cagliari, Montella: ''Guai a pensare che sia una partita facile''
martedì 27 ottobre 2020

Fiorentina-Cagliari, Montella: ''Guai a pensare che sia una partita facile''

25-04-2015
Non c'è un attimo di respiro per la Fiorentina. Dopo la vittoria per 2-0 in Europa League contro la Dinamo Kiev, la squadra viola si rituffa in campionato. Domenica 26 aprile al Franchi arriva il Cagliari (calcio d'inizio alle 18). La squadra rossoblù ha un piede e mezzo in Serie B e, dopo il pesante ko interno contro il Napoli, ha cambiato guida tecnica, passando da Zeman all'esordiente Gianluca Festa.

Contro i sardi, Vincenzo Montella dovrebbe fare un po' di turnover, anche perché mercoledì 29 aprile i gigliati affronteranno la Juventus a Torino. L'aeroplanino dovrebbe schierare i suoi uomini col 4-3-3. Neto in porta, Tomovic, Gonzalo Rodriguez, Basanta e Pasqual in difesa, Aquilani, Badelj e Borja Valero a centrocampo, Diamanti, Gilardino e Salah in attacco.

Dalla sala stampa “Manuela Righini” dello stadio Artemio Franchi di Firenze, le parole di Vincenzo Montella:

La concentrazione sarà necessaria per superare il Cagliari,  i rossoblù loro hanno una classifica infelice e hanno cambiato l’allenatore, saranno molto motivati. Gilardino ha fatto una buona gara contro il Verona, è sicuramente nelle condizioni migliori per giocare dal primo minuto.
Ho ripensato alle scelte fatte contro il Verona e le rifarei tutte, è stata una buonissima partita e solo gli episodi ci hanno penalizzato. Col Cagliari cambierò sicuramente qualcuno. Dobbiamo continuare a lavorare per essere più concreti. L’errore più grande sarebbe pensare di affrontare una partita facile, non mi piace essere sesto in classifica e l’unico modo per cambiare è migliorare. La squadra sta bene dal punto di vista fisico.
Le caratteristiche di Salah si sposano con quelle di una prima punta. Non so se spendiamo bene o male i falli, molto dipende da come l’arbitro interpreta la partita. Penso all’Empoli che ha meno ammonizioni di noi, dipende molto anche dai falli fatti. Domenica troveremo un allenatore all’esordio (Gianluca Festa, ndr) perciò abbiamo meno informazioni da dare ai nostri giocatori dal punto di vista tattico. Richards ha avuto un problema alla caviglia prima della gara con la Dinamo Kiev e non stava al meglio.
A noi gli stimoli piacciono, è giusto e normale che la gente pensi già all’Europa League ma noi dobbiamo rimanere concentrati. Tatarusanu sta sempre meglio ma ancora non mi garantisce il 100%, anche se si era messo a disposizione contro la Dinamo. Non so se sono autorizzato a parlare di Rossi, ancora non ha fatto neanche un allenamento con la squadra, ma quando corre il ginocchio mi pare più stabile rispetto a prima. Bernardeschi invece si allena con noi da 3-4 settimane. In Europa abbiamo ottenuto risultati migliori rispetto al campionato, in Italia è sempre più complicato dal punto di vista tattico. Molto spesso i risultati arrivano attraverso le prestazioni.

di Stefano Niccoli