Home > Webzine > Estate Fiorentina: MEDU - Medici per i diritti umani al Parco dell'Anconella
giovedì 14 novembre 2019

Estate Fiorentina: MEDU - Medici per i diritti umani al Parco dell'Anconella

25-06-2015

Giovedì 25 giugno è in programma una serata di musica e teatro per conoscere le attività dell'associazione umanitaria MEDU - Medici per i diritti umani, alle ore 21.00, al Parco dell'Anconella.
L'appuntamento, nell'ambito dell'Estate Fiorentina, ospiterà la campagna "Maschio per Obbligo" contro la cultura della prevaricazione ed il progetto "Un camper per i diritti".

Alle 21.00  andrà in scena  lo spettacolo “Cosa Mia” interpretato da Antonio Branchi della compagnia Blanca Teatro. “Cosa Mia” è uno spettacolo sulla possibilità e sulla necessità di reagire alla violenza sulle donne, un’esortazione a opporsi e modificare la realtà esistente. Cercare di comprendere le ragioni della violenza per innescare quel cambiamento culturale che metta al bando disparità, pregiudizi e ignoranza tra le mura domestiche, sul posto di lavoro, a scuola, per strada.

Proprio a Firenze MEDU ha sviluppato il progetto “"Maschio per Obbligo"”: un'attività di studio, informazione e formazione per la parità di genere e contro la violenza sulle donne che parte da una riflessione sullo stereotipo dell’'uomo virile e prevaricante. Negli anni il progetto ha proposto mostre, dibattiti, incontri con un pubblico adulto e lezioni di educazione alla sessualità e all'affettività nelle scuole del fiorentino.

Alle 22.30 si esibirà la band The Allophones, una band italo-iraniana  specializzata in pop-rock alternativo e indie-rock. The Allophones hanno da subito aderito convintamente alla serata perché sensibili alla tematica dell’accesso alla salute delle popolazioni più vulnerabili, in particolare dei richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale. Proprio in questo ambito, da circa dieci anni, è attivo a Firenze il progetto MEDU “Un camper per i Diritti” un'unità Mobile di prima assistenza sanitaria e orientamento ai servizi per persone in situazione di precarietà abitativa.

Ingresso gratuito.

Info: www.mediciperidirittiumani.org