Home > Webzine > ''Indovina chi porto al cinema'': l'iniziativa di Oxfam Italia a favore dell'integrazione
mercoledì 28 ottobre 2020

''Indovina chi porto al cinema'': l'iniziativa di Oxfam Italia a favore dell'integrazione

29-06-2015
Il cinema che diventa occasione di scambio e integrazione: al via "Indovina chi porto al cinema”, cineforum promosso da Oxfam Italia e dalla Casa della Cultura e Ricreazione che a partire da martedì 30 giugno, attraverso la proiezione di cinque pellicole amatissime dal pubblico, sarà una reale opportunità di incontro tra cittadini fiorentini e migranti richiedenti asilo.

"Un grazie va innanzitutto a Oxfam per questa iniziativa – ha dichiarato l’assessore all'accoglienza e integrazione Sara Funaro una grande realtà sul territorio che si occupa di accoglienza, ma anche di integrazione dei migranti cui viene riconosciuto lo status di richiedenti asilo". Un'iniziativa quanto mai attuale, come ha voluto sottolineare l'assessore Funaro: "Questo è un momento particolare: le recenti elezioni regionali hanno creato tensioni e allarmismo sul fenomeno migratorio - e ha proseguito - "Lo sconosciuto fa paura, mentre avvicinare realtà diverse aiuta ad abbattere i pregiudizi in quella che è da sempre la città dell'accoglienza".

Questa è l'idea che ha dato vita ad "Indovina chi porto al cinema": un'iniziativa culturale che va oltre il solo intrattenimento, ma che lancia un importante segnale, presentandosi come un'occasione concreta per abbattere le barriere tra i fiorentini e quelli che la Funaro ha definito i "nuovi cittadini", in un clima disteso che stimoli la curiosità reciproca.

Il cineforum è aperto a tutti ed è gratuito grazie al contributo dei volontari di Oxfam e della Casa della Cultura e Ricreazione: gli incontri avranno inizio il 30 giugno e proseguiranno per tutti i martedì di luglio presso la Casa della Cultura in via Forlanini 164, diventato ormai punto fondamentale di condivisione e confronto per fiorentini e migranti.
Si tratta di una zona particolare della città che, come affermato sia dalla presidente della Casa della Cultura Donatella Miccinesi che dal consigliere PD Niccolò Falomi che ha seguito il progetto, è sicuramente piena di pregi, ma anche di numerosi problemi sociali nel campo dell'accoglienza e della disuguaglianza.
Per queste ragioni, come sottolineato dallo stesso consigliere Falomi, l'iniziativa di Oxfam intende perseguire una filosofia precisa: quella dell'accoglienza diffusa, che punti a autonomia e integrazione, evitando tensioni.

La programmazione di "Indovina chi porto al cinema" propone alcune delle migliori pellicole di successo degli ultimi anni, sottotitolate in italiano per favorirne la comprensione a tutti i migranti.
L'obiettivo, come auspicato dal responsabile fiorentino di Oxfam Italia Lorenzo Ridi, è che la città risponda positivamente all'iniziativa, per combattere insieme l'idea di esclusione: un primo passo di un percorso più ampio che punti ad un'integrazione concreta.

Di seguito il programma completo del cineforum.

Martedì 30 Giugno

Ore 20.00 - Aperitivo inaugurale alla presenza dell’Assessore Funaro
Ore 21.15 - "The Blind side": film con Sandra Bullock che racconta la vita di Michael Oher, dalla sua problematica adolescenza fino a divenire un giocatore di football americano professionista coi Baltimore Ravens.

Martedì 7 Luglio

Ore 21.15 - "Chocolat": film con Johnny Depp che racconta la storia di Vianne, della sua figlioletta Anouk e della sua cioccolateria.

Martedì 14 Luglio

Ore 21.15 - "I ponti di Madison County": film, ambientato nello stato dell'Iowa, che narra la storia di amore tra Francesca, una casalinga quarantacinquenne di origini italiane (Meryl Streep) e Robert (Clint Eastwood), un fotografo cinquataduenne.

Martedì 21 Luglio

Ore 21.15 - "La peggiore settimana della mia vita": film con Fabio De Luigi che interpeta Paolo, impiegato quarantenne presso un'agenzia di pubblicità che sarà colpito da una serie di catastrofici eventi.

Martedì 28 Luglio

Ore 21.15 - "Quasi amici": film di produzione francese ispirato alla storia vera del tetraplegico Philippe Pozzo di Borgo e del suo aiutante domestico Yasmin Abdel Sellou, che nel film viene chiamato Driss.


Tutte le proiezioni sono ad ingresso gratuito.
Per maggiori informazioni: https://www.facebook.com/events/860568964012692/ 

di Alessandra Toni