Home > Webzine > Presentata la XII edizione della rassegna scientifica ''Pianeta Galileo''
venerdì 15 novembre 2019

Presentata la XII edizione della rassegna scientifica ''Pianeta Galileo''

27-10-2015
"La scienza ha questo di bello: che unisce le generazioni, perché le regole non cambiano, come le mode, da una generazione all'altra, ed è un percorso di conoscenza lungo il quale tutti possono inoltrarsi, a condizione, naturalmente, che il racconto sia fatto in modo chiaro e comprensibile".
Chi non conosce Piero Angela, il grande divulgatore che ha fatto capire a grandi e piccoli l'importanza dell'educazione scientifica. Ecco, questa sua affermazione riassume perfettamente la filosofia di "Pianeta Galileo", il ciclo di eventi dedicati alla ricerca scientifica promosso dal Consiglio regionale della Toscana.

Siamo arrivati alla XII edizione e la missione di "Pianeta Galileo" è rimasta invariata: tradurre il sapere scientifico in un linguaggio semplice e diretto, così da avvicinare i giovani al mondo della scienza e della ricerca. Un approccio vincente, perché punta sul fatto che gli studenti di oggi non hanno bisogno di paroloni e concetti astratti ma di nozioni applicabili alla vita di tutti i giorni. Ormai è assodato, i ragazzi preferiscono fare piuttosto che ascoltare lunghe – e, permettetemi il termine, talvolta un po' noiose – lezioni teoriche. È su questo aspetto che il Consiglio regionale ha voluto scommettere, e i risultati sono più che incoraggianti: "Pianeta Galileo ha dimostrato negli anni di svolgere una vera e propria funzione pedagogica - afferma il presidente Eugenio Giani - rappresentando un punto di contatto tra ragazzi e mondo universitario".
Il programma – realizzato grazie alla collaborazione dei tre atenei toscani di Firenze, Pisa e Siena e dell'ufficio scolastico regionale – è come ogni anno ricco di attività: lezioni-incontro in oltre 100 istituti scolastici toscani affiancheranno lezioni a due voci tenute da importanti nomi della ricerca scientifica italiana, senza dimenticare le iniziative collaterali come il "Primo incontro con la scienza", l'assegnazione del premio "Giulio Preti" e il bando per il finanziamento di progetti di educazione scientifica. Insomma, centinaia di eventi pensati per rendere possibile un effettivo dialogo tra scuola, università e istituzioni pubbliche, nell'interesse della crescita culturale e formativa dei cittadini del domani. Perché, usando le parole di Giani, "la cultura è l'investimento che ripaga più di tutti: senza la ricerca non ci sarebbe progresso alcuno".

L'inaugurazione di "Pianeta Galileo" è prevista per martedì 27 ottobre alle ore 10.00 a Palazzo Bastogi (via Cavour, 18). A dare il via all'iniziativa ci penseranno i ragazzi della classe V del liceo musicale "Dante" di Firenze, che per l'occasione si esibiranno in una performance musicale all'insegna di Bach e Purcell; a seguire, una Lectio Galileiana curata da Roberto Casalbuoni, docente di fisica all'Università di Firenze.

Per maggiori informazioni: www.consiglio.regione.toscana.it 

di Elettra Rizzotti