Home > Webzine > Estate Fiorentina: i successi del 2015 e le anticipazioni sul prossimo anno
martedì 12 novembre 2019

Estate Fiorentina: i successi del 2015 e le anticipazioni sul prossimo anno

28-10-2015
È giunta al termine la lunga Estate Fiorentina, "il più grande festival multidisciplinare d'Italia", come ribattezzata dal sindaco Dario Nardella, che a Palazzo Vecchio ha presentato non solo un bilancio dell'edizione 2015, tra sfide vinte, successi e margini di miglioramento, ma anche le prime e importanti anticipazioni sul prossimo anno, che vedrà confermato Tommaso Sacchi nel ruolo di coordinatore artistico.

Prima qualche dato sull'Estate Fiorentina 2015: 6 mesi di iniziative, oltre 700 eventi di musica, teatro, danza, letteratura, arte e cinema proposti da 96 operatori, coinvolgendo un totale di circa 1 milione di presenze. Numeri importanti e destinati ad aumentare nel 2016, grazie a una prima anticipazione annunciata da Nardella, ovvero l'aumento delle risorse messe in bilancio dal Comune di Firenze che passeranno da 350.000 euro a mezzo milione di euro.

Come avvenuto quest'anno, anche l'edizione 2016 durerà sei mesi e prenderà il via con la Notte Bianca del 30 aprile: una maratona di eventi che, ha annunciato Nardella, sarà ancora più integrata con l'intera programmazione dell'Estate Fiorentina.
Dieci sono stati gli spazi fiorentini protagonisti del 2015: Giardino di Campo di Marte, Giardino dell'Orticoltura, Le Murate, Vasca dei Cigni - Fortezza da Basso, Limonaia di Villa Strozzi, Piazza Demidoff, Lungarno Serristori - Terrazza sull'Arno, Piazza del Carmine, Piazza Tasso e Parco dell'Anconella, purtroppo funestato dal nubifragio del 1° agosto. Queste location sono confermate anche per il prossimo anno (in virtù dell'accordo triennale con i gestori), ma a loro si aggiungerà sicuramente un altro prestigioso spazio, svelato dal sindaco Nardella: il Piazzale Michelangelo, che arricchirà ulteriormente l'offerta artistica dell'Estate Fiorentina, andandosi anche ad inserire nell'auspicato progetto di pedonalizzazione e riqualificazione del luogo.

Confermata la strategia adottata per l'edizione 2015, ovvero quella di coinvolgere non solo il centro storico della città, ma le periferie, spostandovi gran parte degli eventi e delle attività: riguardo ciò, il sindaco ha espresso il suo plauso nei confronti dei 96 operatori protagonisti di questa edizione che hanno saputo far rivivere tutti i quartieri di Firenze, contribuendo ciascuno al successo dell'Estate Fiorentina e mostrando quanta ricchezza culturale sappia offire la città.
Cuore pulsante di quest'anno è stato il Parco delle Cascine, una scommessa ampiamente vinta dall'Amministrazione Comunale grazie all'importante ritorno dei concerti all'aperto. Grande successo anche per altri spazi, come i giardini di Campo di Marte, il giardino dell'Orticoltura, Le Murate o la Terrazza sull'Arno; come sottolineato da Nardella, dovranno però essere potenziati alcuni dei luoghi coinvolti, come la Fortezza da Basso o piazza del Carmine.
Altro grande protagonista, nel segno dell'arte, è stato indubbiamente il Forte Belvedere con la mostra "Human" di Antony Gormley che ha registrato un totale di 176.000 visitatori: anche il prossimo anno il Forte sarà coinvolto nell'Estate Fiorentina, con una nuova e importantissima mostra da giugno a ottobre che verrà prossimamente annunciata.

Non finiscono qui le anticipazioni sull'edizione 2016: è stato annunciato il lancio di un grande progetto, un "festival nel festival" che coinvolgerà i musei fiorentini, portandovi musica e valorizzando l'interdisciplinarietà; una tre giorni dedicata agli strumenti a corda, che risuoneranno in suggestivi luoghi fiorentini attraverso i generi musicali più diversi.
Il sindaco ha inoltre svelato che nel mese di maggio sarà coinvolto il Cimitero agli Allori per celebrare il centenario dell'Antologia di Spoon River e la nascita di una collaborazione con Pitti Immagine nel segno della contemporaneità.
È stata proprio la contemporaneità il fil rouge dell'edizione 2015; un filo che sarà ripreso anche il prossimo anno, affiancandosi ad un altro importante tema, ovvero quello del 50° anniversario dell'alluvione di Firenze.

Dopo bilanci e anticipazioni, qual è stato però il livello di gradimento del pubblico nei confronti dell'Estate Fiorentina 2015? Ad indagarlo è stato un sondaggio rivolto ai partecipanti della manifestazione, che ha innanzitutto evidenziato una maggiore partecipazione femminile (53.57%) e della fascia dei trentenni (circa il 44%); la programmazione, inoltre, è stata giudicata buona dal 46% dei partecipanti, in particolare per quanto riguarda gli eventi di musica, seguiti poi da teatro e danza. Grande soddisfazione è stata espressa nei confronti dei luoghi coinvolti (57%) che, come è stato curiosamente evidenziato dal sondaggio, sono stati raggiunti dai fiorentini soprattutto in bicicletta (quasi il 30%).

Come annunciato dal sindaco Nardella, il bando per gli operatori culturali interessati a proporre un proprio evento per l'Estate Fiorentina sarà pubblicato entro febbraio 2016.

Per maggiori informazioni e per seguire le novità sull'Estate Fiorentina 2016: www.ef2015.it 

di Alessandra Toni