Home > Webzine > Rinasce Piazzale Michelangelo: presentato il piano di restauro e pedonalizzazione
mercoledì 20 novembre 2019

Rinasce Piazzale Michelangelo: presentato il piano di restauro e pedonalizzazione

01-12-2015
"Il 2016 sarà l'anno della rinascita di Piazzale Michelangelo, la più bella terrazza sul mondo": ad annunciarlo è stato il sindaco Dario Nardella in Palazzo Vecchio, alla presentazione del piano di restauro e pedonalizzazione di uno dei luoghi simbolici della città, progettato e realizzato da Giuseppe Poggi "per rappresentare il culmine della bellezza di Firenze".

Da tempo, però, non è raro vedere il Piazzale Michelangelo balzare agli onori della cronaca per le problematiche che la riguardano, dai venditori abusivi a quelle relative ai parcheggi: "E' diventato il luogo dove lasciare la macchina, parcheggio selvaggio o fortuito spesso usato dai turisti stranieri e così, con il tempo, si è sempre più allontanato dal cuore dei fiorentini", ha dichiarato Nardella. Per queste ragioni, come precisato dal sindaco, la giunta comunale si è impegnata perché il prossimo anno possa rappresentare una svolta concreta per la terrazza sulla città e in tal senso è ancor più significativo che la decisione sia stata presa nell'anno di celebrazioni per il 150° anniversario di Firenze Capitale: "Abbiamo voluto ridare belezza e senso a uno dei luoghi che maggiormente appartiere alla sua storia", ha sottolineato il sindaco.

Il piano che porterà alla rinascita del Piazzale Michelangelo vale 5.180.000 euro di investimenti e si completerà nel 2017. Si tratta di un piano a 360 gradi, articolato in una serie di misure volte ad affrontare tutti gli aspetti più importanti: non si tratterà solo della tanto attesa pedonalizzazione, infatti, ma di un vero e proprio "rinascimento" - come sottolineato da Nardella - un rinascimento culturale, urbanistico e civile, perché al posto delle macchine possano venire le persone, così da ritrovare e scoprire la forza di questo luogo". Il presupposto dell'intero progetto, infatti, è quello di liberare il piazzale dalle auto e per questo, assieme all'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, è stata presentata la "migliore soluzione individuata" per risolvere il problema della "sosta selvaggia": il 18 gennaio 2016 inizieranno i lavori che, entro la fine del mese, porteranno alla realizzazione di un parcheggio a rotazione di 78 posti. A questi, come assicurato dall'assessore, si devono aggiungere quelli adiacenti al piazzale (ad esempio all'altezza del giardino dell'Iris), arrivando ad un totale di 158 posti totali disponibili (oggi ne sono presenti 196).

Il progetto si articola in più blocchi di azioni che interverranno sulle balaustre del Poggi, oggi in pessime condizioni, sul ridisegno della pavimentazione, sulla ricostruzione della scalinata Via Crucis, sulla valorizzazione paesaggistica o sulla demolizione dell'ex bar Michelangelo (dove sorgerà un'altra terrazza a più livelli che si congiungerà alla principale).
Altro aspetto importante rigurda la sicurezza: annunciato, infatti, un presidio fisso della Polizia Municipale che assicurerà maggior controllo su tutto il Piazzale, affinchè non torni ad essere preda di commercianti abusivi.
Con un piazzale libero dalle auto e più sicuro, la splendida terrazza fiorentina non solo si riapproprierà della sua bellezza, ma si prepara a diventare luogo di grandi eventi: il primo, annunciato da Nardella, è previsto per San Valentino, quando tutte le coppie saranno invitate a un bacio collettivo con l'obiettivo di entrare nel Guinness dei Primati.
Il Piazzale Michelangelo sarà, inoltre, uno dei luoghi principali dell'Estate Fiorentina 2016, ma nei prossimi anni i grandi eventi non possono che aumentare: "Eravamo tentati di coinvolgere il piazzale anche per questo Capodanno - ha svelato Nardella - ma non è escluso che possa accadere nel futuro".

Degli oltre 5 milioni di euro di fondi, più di un milione è stato donato dalla catena alberghiera Starhotels, nata proprio a Firenze, che "ha accolto la sfida e preso a cuore il progetto", come sottolineato dal sindaco. Starhotels ha aderito a Art Bonus, il provvedimento varato dal governo e che consente, a chi fa donazioni a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano, di detrarre il 65% delle imposte sull'importo donato. E' una tradizione, per Starhotels, celebrare i suoi compleanni con delle donazioni a favore delle città in cui sono ubicati i suoi alberghi: in occasione del suo 35° anniversario, e per festeggiare i buoni risultati raggiunti nel 2015, la catena alberghiera ha pensato alla città nella quale è nata nel 1980: "Ci tenevamo a fare qualcosa per Firenze e per un luogo da sogno come il Piazzale Michelangelo - ha dichiarato la presidente Elisabetta Fabri, che ha concluso con un vero e proprio appello rivolto alle imprese italiane - Vorrei che tutto questo fosse da esempio, perché Art Bonus è una grande opportunità per le imprese, piccole e grandi che siano. Noi imprenditori e istituzioni dobbiamo riprenderci l'Italia, prima che la portino via".

di Alessandra Toni