Home > Webzine > Virtuopsy: a Careggi il primo laboratorio di autopsia virtuale
domenica 04 dicembre 2022

Virtuopsy: a Careggi il primo laboratorio di autopsia virtuale

15-12-2015
L'ospedale di Careggi con Virtuopsy, il primo laboratorio in Italia di autopsia virtuale, si apre all'innovazione e alla ricerca. "L'autopsia virtuale- come ha dichiarato nel corso della presentazione, lunedì 14 dicembre, Pierluigi Rossi Ferrini, Vice Presidente dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze- permette di rispettare i sentimenti, la verità e la sicurezza in caso di trapianto. Il corpo umano è un tempio dell'anima e dei ricordi. Questo strumento risparmia sofferenze alle famiglie ma allo stesso tempo risponde a precise esigenze scientifiche".
Nel primo semestre del 2016 sarà inaugurata dunque nell'istituto fiorentino una nuova struttura nella quale verrà disposta una tac multistrato dedicata, capace, attraverso il potere dei suoi raggi, di donare una visione completa del corpo umano. Le sue immagini verranno poi selezionate ed inserite in un software di ultima generazione che restituirà una visione tridimensionale. Il 3D, permetterà dunque agli specialisti di avere una visione completa e dettagliata in tempi brevissimi rispetto a quelli richiesti dalle indagini autoptiche. Una vera e propria svolta tecnologica che, grazie al contributo finanziario di Ente Cassa di Risparmio di Firenze, avrà sicuramente delle ricadute positive sullo stato di salute della comunità. I 100.000 euro stanziati dall'Istituto fiorentino, verranno utilizzati non solo per rinnovare i locali e gli strumenti ma anche per finanziare con tre borse di studio, la formazione di personale specializzato.
"Si tratta di un primo step- ha dichiarato Monica Calamai, Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi- che permetterà di fornire dei dati fondamentali alla ricerca scientifica, agli studi clinici, alle diagnosi. L'obiettivo è quello di creare una base che con il tempo potrà crescere e dotarsi di altri strumenti e con questi portare avanti la ricerca e migliorare le diagnosi. Un'alternativa all'autopsia tradizionale che nel nostro Paese è diminuita dal 50 al 5%, limitatamente ai casi forensi. Sono così diminuiti i dati a nostra disposizione per migliorare la salute dei vivi. La tac multistrato mette sul tappeto altre alternative che porteranno vantaggi negli studi clinici".
La scienza delle immagini, già utilizzata in altri Paesi Europei e negli Stati Uniti, arriverà dunque a Firenze per donare ai medici informazioni dettagliate e attendibili. I vantaggi, come possiamo facilmente intuire saranno molteplici: partendo dalla sfera morale il Virtuopsy, permetterà di eludere divieti religiosi o affettivi, ad oggi, in una società multietnica sempre più diffusi; abbattere i costi del sistema sanitario e i tempi in quanto la macchina permetterà di avere risultati in tempo reale; sostenere i giovani studiosi; ma soprattutto creare un database di valenza internazionale che si baserà su immagini eterne, facilmente consultabili e conservabili nel tempo. Proprio su questo bacino di notizie andrà a poggiare il lavoro della ricerca per esplorare rami della scienza medica ancora oggi inesplorati come le malattie rare o le morti improvvise.
Il primo laboratorio di autopsia virtuale sarà un nuovo tassello per il territorio fiorentino che ha visto nascere la prima cattedra di anatomia patologica in Italia, ha osservato e conservato i preziosi studi di Leonardo da Vinci a Santa Maria Nuova e quelle di Michelangelo Buonarroti a Santo Spirito.

Per informazioni: www.aou-careggi.toscana.it 

Martina Viviani