Home > Webzine > Nuovi alberi al Parco delle Cascine per un nuovo 'bosco ecologico'
venerdì 30 ottobre 2020

Nuovi alberi al Parco delle Cascine per un nuovo 'bosco ecologico'

28-12-2015
440 nuovi alberi di 30 specie diverse arricchiranno, nei prossimi mesi, il Parco delle Cascine e realizzeranno un vero e proprio 'bosco ecologico'. L'operazione viene realizzata grazie a Esselunga che, oltre a contribuire alla manutenzione straordinaria, parteciperà alla realizzazione del progetto della direzione ambiente per potenziare l'aspetto naturalistico del parco con alberi, arbusti e cespugli che, soprattutto dopo l'ondata di maltempo del 5 marzo scorso, hanno subito una riduzione notevole, e incrementare la presenza di uccelli e insetti.
I primi tre alberi sono già stati pianti dall'assessore all'ambiente Alessia Bettini e dal vicepresidente di Esselunga Giovanni Maggioni.
Il progetto interessa la parte settentrionale delle Cascine, tra il monumento dell'Indiano e il Prato delle Cornacchie. I nuovi alberi sono giovani esemplari di quasi 30 specie arboree del bosco tipiche delle foreste di pianura. Si tratta di specie autoctone spontanee o non spontanee ma acclimatate, selezionate in funzione dell’adattabilità alla scarsa luminosità e concorrenza con piante già presenti, del portamento, dell’aspetto cromatico della chioma, della valenza ecologica.
In particolare verranno piantati 33 frassini, 27 aceri, 25 tigli, 14 olmi ma anche roveri, cerri, farnie, pioppi, ciliegi, ippocastani, meli e peri selvatici e altri ancora.
"Voglio anzitutto ringraziare Esselunga che ha fatto questo grande regalo alla città – ha dichiarato l'assessore Bettini – si tratta di alberi selezionati per riportare la biodiversità in città e garantire tutta la filiera dell’impollinazione. Si tratte anche di piante autorizzate dalla soprintendenza perché le Cascine sono un parco monumentale. In questi anni il parco ha subito tanto perdite ma ripianteremo gli alberi e spero che l’evento di oggi sia l’inizio di un lungo cammino".
Le piante sono divise in tre diverse grandezze. Tra gli alberi di prima grandezza è stato privilegiato il genere 'Quercus' (rovere, cerro e farnia) nelle sue varie specie. Tra quelli di media grandezza è stato valorizzato l’inserimento del sorbo, nelle sue diverse specie, sia per la resistenza sia per l'abbondanza dei suoi frutti, capaci di attirare molti uccelli, ed ancora per i contrasti cromatici che le foglie creano durante l'anno. Anche molte altre specie arboree sono state considerate per la loro valenza ecologica: piccoli alberi da frutto per gli uccelli, alberi con abbondanti fioriture per gli insetti, alberi che producono ghiande per gli scoiattoli etc.
Arbusti appartenenti alla flora spontanea verranno piantati sul bordo del prato, delle radure del bosco ed in associazione a piccoli alberi per attirare gli animali. Per valorizzare l'aspetto educativo, verranno sistemate alcune bacheche-stele illustrative, in prossimità degli accessi al bosco.

Per informazioni: www.comune.fi.it 

M.V.