Home > Webzine > ''Vivicittà'' contro il razzismo
lunedì 05 dicembre 2022

''Vivicittà'' contro il razzismo

15-03-2006

In 24 città nel mondo e 35 città italiane, domenica 2 aprile, si correrà "Vivicittà", la manifestazione podistica giunta alla ventitreesima edizione (la terza da quando è stata trasformata in "Half Marathon"). Organizzata dal comitato UIPS Firenze in collaborazione con l'Assessorato allo sport del Comune di Firenze, l'evento, che da tre anni ha scelto di passare da 12 ai 21 chilometri, dopo il tema della pace dominante nella scorsa edizione, quest'anno corre contro il razzismo, ribadendo la sua sensibilità ai valori sociali e al mondo dello sport nelle sue varie sfaccettature. La mattina di domenica 2 aprile, "Vivicittà Firenze" affiancherà, come di consueto, alla 21 chilometri e 97 metri agonistica anche una stracittadina non competitiva di 10 chilometri e un percorso per i bambini di circa 750 metri, la Tommasino Run.La gara attraverserà infatti il cuore del centro storico, passando in piazza Signoria, piazza Duomo e Ponte Vecchio, con partenza e arrivo in Piazza Santa Croce. Continua, inoltre, la collaborazione con Sergio Staino, che ha disegnato la vignetta che comparirà sulle magliette regalate ad ogni partecipante. Il no al razzismo, tema di questa edizione, è rappresentato da Staino con tre bambini di etnie diverse che, correndo, calpestano un uomo incappucciato, simbolo del Ku Klux Klan. Inoltre è stato suggellato un inedito gemellaggio con il Festival del Fitness che si svolgerà alla Fortezza da Basso dal 24 al 28 maggio. Infatti venerdì 31 marzo, dalle 15,30 alle 19, e sabato 1 aprile, dalle 9,30 alle 20, al "Vivicittà village" in piazza Santa Croce andrà in scena il "Fitness Open", anteprima del Festival del Fitness, con tentativo di record mondiale sui 100 chilometri su tapis roulant del pratese Antonio Mammoli. "Una festa importante per Firenze - sottolinea l'Assessore allo Sport del Comune di Firenze, Eugenio Giani - sia per lo sport che per il valore sociale che la manifestazione assume ogni anno!".

di Antonio Pirozzi