Home > Webzine > Firenze capitale della cooperazione internazionale
sabato 16 novembre 2019

Firenze capitale della cooperazione internazionale

04-05-2006
In occasione del quarantesimo anniversario dell'alluvione fiorentina, Cespro (Centro di Eccellenza dell’Università di Firenze) e I-Rec (gruppo di studiosi per l’informazione e la ricerca per la ricostruzione post disastro), con il patrocinio della Regione Toscana, organizzano tre giorni di convegni internazionali sul tema della ricostruzione post disastri. Attraverso un confronto tra i maggiori studiosi di tutto il mondo, l'evento intende aprire un tavolo di discussione e cooperazione internazionale su catastrofi naturali ed eventi calamitosi provocati dall'uomo. Il convegno si svolgerà al Chiostro del Maglio di Firenze (via Venezia 5) dal 17 al 19 maggio. "Iniziative come questa – ha dichiarato il presidente della Regione Toscana, Claudio Martini - contribuiscono a incentivare i processi di pace, coinvolgendo rappresentanti istituzionali di aree in conflitto, e testimoniano l'impegno della Toscana nell'ambito della cooperazione. La nostra regione ha rapporti con oltre un terzo del mondo. Sono 68, su 190 membri dell’Onu, i Paesi con cui cooperiamo".In particolare, il convegno di maggio tenterà di ampliare le conoscenze e le esperienze accumulate dalla rete internazionale di studiosi e ricercatori che hanno partecipato agli ultimi due convegni di I-Rec in Canada (2002) e nel Regno Unito (2004). Prendendo a modello alcuni disastri storici (dal recente Tsunami asiatico al conflitto del Kashmir, dai terremoti in Turchia alle alluvioni in Kenya), la tre giorni fiorentina - attraverso un confronto fra i maggiori esperti europei, asiatici, americani e africani di Protezione Civile, ingegneria, aiuti umanitari, edilizia, geografia, sottosviluppo, sociologia e medicina - tenterà di definire e mettere a punto le più efficienti tecniche di ricostruzione sulla base delle varie tipologie di disastro: dalle migrazioni di massa alle catastrofi ambientali, dalle condizioni dei rifugiati al danneggiamento del patrimonio culturale e storico. Tra i relatori principali figurano Giuseppe Zamberletti, Paul Harvey e Rohit Jigyasu.
Info e iscrizioni 328/8285295 oppure www.i-rec2006.com .
La partecipazione al seminario è gratuita per i membri delle Associazioni di volontariato.

di Antonio Pirozzi