Home > Webzine > Il TAR boccia il blocco dei veicoli Euro 0 a Firenze
mercoledì 20 novembre 2019

Il TAR boccia il blocco dei veicoli Euro 0 a Firenze

30-01-2007
Con la sentenza n. 56 del 2007, il Tribunale Amministrativo Regionale di Firenze ha di fatto bocciato l'ordinanza antismog dell'assessore comunale all'ambiente Claudio Del Lungo (la 509 del 14/6/2006) nella parte relativa al di blocco totale della circolazione, 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, delle auto Euro 0 a benzina non catalizzate. In sostanza, la bociatura del TAR è stata motivata dal fatto che il Comune non ha motivato e giustificato i divieti dal punto di vista dell'inquinamento atmosferico. Il divieto totale per le auto Euro 0 - si legge nella sentenza - "è manifestamente illogico in assenza di spiegazioni o ulteriori giustificazioni" secondo il TAR, che sottolinea anche che "le auto Euro 0 a benzina non catalizzate incidono per il 5,1% sulla produzione delle polvere sottili pm10, mentre le auto diesel euro3 incidono per il 25% delle polveri sottili pm10". Con l'annullamento dell'ordinanza del luglio 2006, si deve intendere che anche la successiva ordinanza del dicembre 2006, attualmente in vigore, non avrebbe valore riguardo al blocco degli Euro zero, che in base alla sentenza del TAR sarebbero di fatto già legittimati a circolare liberamente. Il Comune deve ora dimostrare e documentare scientificamente la validità dei provvedimenti e dei divieti che ha attuato e che sta attuando, insieme all'efficacia e all'efficienza degli stessi, e anche dei cosiddetti "ecoincentivi". Il Comune deve anche ricercare la partecipazione e la condivisione dei provvedimenti con associazioni ambientaliste, comitati dei cittadini e quanti altri siano interessati alle misure.