Home > Webzine > Piani concertati per infrastrutture, economia e ambiente
sabato 26 novembre 2022

Piani concertati per infrastrutture, economia e ambiente

12-04-2007
Si chiamano PASL, vale a dire Piani di Sviluppo Locale, e sono lo strumento scelto dalla Regione, Province e Comuni della Toscana per sostenere e finanziare gli interventi per lo sviluppo, la valorizzazione e la tutela del tessuto economico, del patrimonio ambientale e dell'offerta turistico-culturale della nostra regione. Si tratta di 11 piani - uno per ogni Provincia, più il circondario Empolese-Valdelsa - concertati tra i diversi livelli di enti locali, che iundividuano precisi progetti di sviluppo e specifici fondi: in tutto 11 miliardi di euro, di cui 6,5 per le infrastrutture (strade, autostrade, ferrovie, porti e interporti etc.), uno per dare impulso a competitività, ditretti, industriali, ambiente e territorio, mezzo miliardo rispettivamente per interventi nei settori della cultura e del sociale. Ieri a Firenze la firma della 'Proposta istituzionale di Pasl di area vasta metropolitana' (che riunisce i PASL dei territori di Firenze, Prato, Pistoia ed Empolese-Valdelsa), che sarà poi portata alla discussione di tutti i soggetti istituzionali e alle parti sociali con l'obiettivo della condivisione. Nel complesso, grazie a questi Pasl, verranno attivate risorse per circa 4 miliardi di euro nel quadriennio 2007-2010: tra i progetti finanziati l'Alta Velocità, la tranvia fiorentina, la linea ferroviaria Pistoia-Lucca, la 3° corsia nel tratto Barberino-Incisa, ma anche alla 3° corsia della "Firenze Mare" nel tratto Firenze-Pistoia e la bretella Prato-Signa, così come all'interporto di Prato Gonfienti. I Pasl prevendono anche, sempre in una logica integrata, il coordinamento e l'ottimizzazione delle politiche sui rifiuti, dalla raccolta allo smaltimento, interventi per il miglioramento della qualità dell'aria in area urbana con il coordinamento delle politiche sul traffico ed i progetti riguardanti i nuovi ospedali di Prato e Pistoia.