Home > Webzine > Firenze: in centinaia alla marcia contro sfruttamento minori
venerdì 15 novembre 2019

Firenze: in centinaia alla marcia contro sfruttamento minori

14-05-2004

Centinaia di persone hanno partecipato, giovedì 13 maggio a Firenze, alla marcia contro il lavoro dei bambini, promossa da Global March, Mani Tesi e sindacati confederali. L'iniziativa era inserita nell'ambito del congresso che, per tre giorni, ha discusso il tema del lavoro dei minori e del loro sfruttamento. I dati, a livello mondiale, diffusi all'International Labour Organization, parlano di 246 milioni di bambini che lavorano, ovvero il 18,5% del totale. In pratica, un bambino su sei lavora, con 11 milioni impiegati in situazioni a rischio, come traffico di droga o prostituzione. Chi lavora in settori "legali" realizza tappeti, cuce palloni da calcio, lavora nei campi od è a servizio nelle case. Il lavoro minorile rappresenta un problema anche a livello italiano, con 144 mila ragazzi dai 7 ai 14 anni, che lavorano. Quasi 32 mila i loro sono impiegati a tempo pieno, mentre il resto lavora dopo la scuola.

Ogni anno in Italia le forze dell'ordine ricevono più di 3 mila denunce di scomparsa relative a minorenni. L'80% dei casi si risolve poi entro un anno, ma "si tratta comunque di un rilevante fenomeno sociale cui ha fatto riscontro una forte sensibilità istituzionale", ha detto il commissario capo Raffaella Calabrese, presentando a Roma il restyling del sito www.bambiniscomparsi.it. Nel 2004 sono state attivate segnalazioni di ricerca sul territorio nazionale riguardanti 605 minorenni, 420 dei quali stranieri e 185 italiani.