Home > Webzine > Come sono i giovani toscani?
martedì 19 novembre 2019

Come sono i giovani toscani?

15-05-2007
Conservatori, mammoni e sedentari, poco interessati e fiduciosi nella politica. ecco i giovani toscani, almeno stando alla ricerca condotta dall'IRPET (Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana) su un campione di 4000 ragazzi toscani. Otto giovani su 10 giovani vivono con famiglia, anche se l'85% desidera comunque una vita più autonoma. Per il 40% di loro non vale la pena spostarsi dalla regione (e per il 33% nemmeno dalla provincia) per trovare lavoro; e tra i due sessi sono le donne a essere più radicate. Ivalori che contano per loro sono famiglia, figli e lavoro. Forte la sfiducia nei giovani: un giovane su tre ha dichiarato di non avere alcuna fiducia in istituzioni, associazioni varie, partiti, religione o sindacati. Il lavoro resta in cima alle preoccupazioni, ma il mito del posto fisso sempbra ormai sfumato per l'80% del campione; i lavori più ambiti sono il medico per le ragazze e l'ingegnere per i ragazzi; scarsamente appetibile il lavoro artigiano come anche il mondo dello spettacolo. I due terzi del campione vorrebbero più di un figlio. Atteggiamenti ambivalenti nei confronti degli immigrati: incittà ci sono giovani più tolleranti (percentuali vicine al 60%) ma fuori dai grandi centri gli stranieri sono guardati con più sospetto; Prato è il comune con la massima quota di giovani chiusi (25%). Nel complesso, secondo il demografo Livi Bacci commentando i dat, emerge il fatto che i giovani, rispetto ai coetanei europei, entrano più tardi nella vita attiva e raggiungono dopo l'indipendenza economica, anche a causa del protezionismo delle varie categorie. Cosa che, però, non contraddistingue tanto la Toscana quanto l'Italia in generale.