Home > Webzine > Nuova legge regionale su sicurezza sul lavoro e appalti pubblici
mercoledì 20 novembre 2019

Nuova legge regionale su sicurezza sul lavoro e appalti pubblici

28-06-2007
Il Consiglio Regionale ha approvato la nuova legge regionale sulla regole negli appalti pubblici e sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. La legge regola tutti gli appalti in cui sono coinvolti soggetti pubblici come Regione, Enti ed Agenzie Regionali, Enti Locali, Aziende Sanitarie Locali. Sono introdotte nuove norme a tutela dei diritti e della sicurezza dei lavoratori: tra gli strumenti di punta della legge l’Osservatorio regionale, che determinerà, tra l'altro, un prezzario regionale di riferimento, utile per stabilire gli importi a base d’asta e l’anomalia delle offerte. Le offerte in sede di gara saranno valutate guardando non solo al prezzo più basso ma anche alle misure per la sicurezza dei lavoratori aggiuntive rispetto agli obblighi di legge. Gli oneri sulla sicurezza non saranno soggetti a riduzione in sede di subappalto. Per i lavori di importo superiori a 5 milioni di euro, in cantiere dovrà essere presente un ‘tutor’. Le imprese che non rispettano le norme statali e regionali sulla sicurezza e sulla tutela della regolarità previdenziale e retributiva del lavoro, saranno escluse dalle gare per cinque anni. Il testo della legge comprende anche i due commi sul subappalto: il divieto per le imprese vincenti in gare di subappaltare a ditte che sono stete loro cobncorrenti, e la limitazioni del subappalòto ai soli settori che richiedono una specifica specializzazione. Il loro stralcio dal testo originale - motivato da dubbi di costituizionalità derivanti dal fatto che la materia del subappalto non è di competenza regionale - aveva portato i sindacati conferederali Cgil, Cisl e Uil a proclamare uno sciopero genereale per il 9 luglio: sciopero che, dopo il voto di ieri, è stato revocato. Molto soddisfatti tutte e tre le sigle sindacali per l'approvazione della nuova legge: "Una buona legge, anzi ottima" ha commentato il segretario generale della Cgil Toscana Luciano Silvestri, che ha aggiunto: "Una legge importante costruita con mesi e mesi di concertazione fra le parti sociali e la Giunta Regionale. Con la sua approvazione il Consiglio ha dato un segnale forte, i toscani tutti devono andare orgogliosi di avere condotto una battaglia contro l'illegalità, per la trasparenza e per la sicurezza dei lavoratori".