Home > Webzine > Area Metropolitana 322 nuovi progetti
martedì 12 novembre 2019

Area Metropolitana 322 nuovi progetti

30-07-2007
Siglato il Piano di sviluppo locale: alta velocità, tramvia e terza corsia A1 e A11 le priorità Trentadue progetti destinati a mutare il volto della cosiddetta Area vasta metropolitana, il raggruppamento delle province e dei comuni di Firenze, Prato e Pistoia e del Circondario Empolese-Valdelsa. Sono contenuti nel Pasl, il Piano attuativo per lo sviluppo locale, che è stato firmato dal presidente Martini, dall'assessore alle riforme istituzionali Agostino Fragai e dai rappresentanti delle Province e dei Comuni di Firenze, Prato, Pistoia e del Circondario Empolese-Valdelsa. Infrastrutture e ambiente sono i settori di intervento considerati come strategici per lo sviluppo di tutta l'area. «La firma di oggi – ha spiegato il presidente Claudio Martini - conferma l'esistenza di un'intesa importante e significativa. Importante, perché per la prima volta si individuano, in maniera condivisa, 32 progetti di interesse sovracomunale necessari per favorirne il sviluppo e si lavora insieme per realizzarli. Significativa, perché conferma l'esistenza di un gioco di squadra sui temi più rilevanti che riguardano l'area metropolitana. Il Pasl è il frutto di un lavoro di concertazione e condivisione condotto in primo luogo dalle Province e sottoposto poi al confronto con le parti economiche e sociali». L'attenzione principale riguarda le opere infrastrutturali. «L'Alta velocità – ha proseguito Martini - compreso il nodo di Firenze, la tramvia fiorentina, il potenziamento della linea ferroviaria Pistoia-Lucca-Viareggio, l'Agenzia per la mobilità, la terza corsia sulla Firenze Mare e sull'A1. Sono senza dubbio questi gli interventi destinati ad incidere in maniera decisiva sullo sviluppo del territorio oggetto del Pasl. Ma non dobbiamo dimenticarci anche dei progetti in campo ambientale, economico e socio-sanitario». «Il Pasl dell'area metropolitana – ha precisato l'assessore regionale alle riforme istituzionali e al rapporto con gli enti locali Agostino Fragai – è un'esperienza pilota relativa ad una zona della Toscana in forte crescita. A settembre un Pasl analogo lo faremo anche per la zona meridionale e per la costa'. 'Il Pasl – ha proseguito l'assessore - è il primo consistente risultato del lavoro della Regione volto a fare delle politiche di area vasta un asse portante del governo della Toscana; il Pasl è, inoltre,è uno strumento importantissimo per cercare di affrontare lo sviluppo di un determinato territorio in maniera condivisa e sistematica. Tutti i progetti in esso contenuti sono il risultato di un lavoro di squadra tra Regione, Province e Comuni, di una condivisione di obiettivi e di priorità. Il Pasl – ha concluso Fragai - oltre a rappresentare uno strumento di pianificazione delle scelte, è allo stesso tempo sinonimo di partecipazione del livello locale, di condivisione di un'idea di sviluppo sostenibile e conforme alle caratteristiche dell'area presa in considerazione».