Home > Webzine > Il Festival dei Popoli vola a Pechino
domenica 13 giugno 2021

Il Festival dei Popoli vola a Pechino

20-04-2010
Dal 20 al 26 aprile 2010 avrà luogo la prima edizione del Festival dei Popoli (rassegna internazionale del film documentario) a Pechino, evento organizzato in collaborazione con Beijing Kong Hou Miao Yin Culture Co., l'Istituto Italiano di Cultura di Pechino, l'Ambasciata d'Italia, l'Ullens Center for Contemporary Art e la Broadway Cinematheque Moma. Il programma della manifestazione, dal titolo internazionale “International Image Forum - China Italian International Image Documentary Forum”, si articola in tre sezioni: “Italian Chronicles”, una selezione di 16 documentari italiani, dal 2000 al 2009, per descrivere l'Italia di oggi attraverso la sua gente, la sua storia, la sua cultura, le sue tradizioni e la sua arte; “The feeling of being there (1958 - 1965)”, la selezione di cortometraggi presentata in occasione del cinquantenario del Festival dei Popoli (edizione 2009) riguardo i titoli che hanno segnato la storia del documentario in un periodo di grande fervore creativo corrispondente alla nascita del Festival e infine la sezione “Festival dei Popoli Awards”, la selezione dei film vincitori del premio per “Miglior Film” delle ultime 4 edizioni del Festival dei Popoli. I luoghi delle proiezioni sono: Istituto Italiano di Cultura, Ullens Center For Contemporary Arts ed alcune università, tra le quali la Tsing Hua University e la China Communication University. Tre autori italiani accompagneranno la delegazione del Festival dei Popoli a Pechino: Giovanni Donfrancesco, Paolo Pisanelli e Giovanni Cioni, (vincitore con “In Purgatorio” del premio del pubblico nella passata edizione del festival dei popoli e del Prix du Patrimoine de l’immateriel al Cinéma du Réel appena conclusosi). L’edizione cinese del Festival dei Popoli porta avanti l’attività internazionale dell’Istituto intrapresa nel 2008 con la prima edizione del Festival dei Popoli a New York, e riconfermata anche quest’anno per il maggio prossimo per la terza edizione. “Com’è evidente – ha detto Giorgio Bonsanti, presidente del Festival dei Popoli -, il nostro Istituto non limita la propria attività al periodo del festival, ma si propone, durante l’intero arco dell’anno, di promuovere la cultura del cinema documentario, in Italia e all’estero. In primis, il nostro impegno va nel cercare di far conoscere all’estero il documentario italiano, ma il festival è e resta punto di riferimento non solo per gli autori italiani. L’apertura di questa collaborazione con i partner cinesi, tra i quali sottolineiamo la rilevanza dell’ l'Ullens Center for Contemporary Art e la Broadway Cinematheque Moma, è un ulteriore importante passaggio per il consolidamento della natura internazionale del Festival dei Popoli”.