Home > Webzine > ''Terra di Tutti Film Festival'' torna a Firenze il 7 novembre
domenica 25 ottobre 2020

''Terra di Tutti Film Festival'' torna a Firenze il 7 novembre

07-11-2012

Per la quarta volta consecutiva torna a Firenze, più precisamente all'Odeon di Firenze (piazza Strozzi), "Terra di Tutti Film Festival", in occasione dei "50 giorni di cinema internazionale", il 7 novembre 2012. A essere proiettata, dalle 18.30, sarà una selezione di opere provenienti dal "Terra di Tutti Film Festival" di Bologna, sui temi legati alle migrazioni, alla povertà, alla lotte per i diritti e per l'accesso alle risorse e alla tutela della diversità.
Quest'anno infatti il festival ha un focus speciale sulle seconde generazioni e sullo sguardo che hanno sull'Italia i giovani di origine straniera che risiedono o che sono nati nel nostro Paese, senza, però, dimenticare di tenere accesi i fari e l'attenzione sulle primavere arabe e le loro trasformazioni a quasi due anni dalla prima rivolta.
Nella programmazione fiorentina saranno presenti i vincitori delle varie sezioni del concorso "Terra di Tutti Film Festival 2012": miglior produzione italiana, miglior produzione straniera, menzione Conger.
Novità di quest'anno la presentazione della produzione COSPE sui temi del diritto di cittadinanza, dell’immigrazione e della rappresentazione degli immigrati sui mezzi di comunicazione di massa, "Lettere italiene": un progetto multimediale che unisce cinema e web, che punta alla diffusione virale al coinvolgimento di tanti nuovi 'italieni' che abbiano voglia di raccontarsi e raccontare l’Italia oggi.
La serie, tratta da alcuni racconti del libro "Nuove lettere persiane", è realizzata dalla società  di produzione cinematografica "L’occhio e la luna" e ha visto la partecipazione di scrittori e giornalisti di origine straniera per la scrittura delle sceneggiature. 
Da un mese, grazie al sostegno della Mediateca Toscana, è attiva anche la piattaforma crowdfunding (www.eppela.it), un sistema di finanziamento dal basso che permette di poter raccontare i nuovi italiani e la nuova Italia e di poter continuare a farlo.
Alla serata tutta fiorentina sarà presente il regista Federico Micali e alcuni degli autori dei racconti da cui sono state tratte le prime puntate della mini serie.

Ecco il programma della serata:

Ore 18.30
Premio miglior produzione internazionale al "Terra di Tutti Film Festival 2012"
Sacred stones, Laila Higazi, Muayad Alayan, Palestina, 2011
Considerata da molti come il petrolio bianco della Palestina, la pietra naturale è la materia prima
palestinese più richiesta soprattutto per le esigenze edilizie di Israele, compresa la costruzione di
insediamenti illegali in terra palestinese.

Ore 19.30
menzione Coonger (Coordinamento delle ong dell’Emilia Romagna)
The change, Fabian Ribezzo, Mozambico, 2011
Mozambico. Un villaggio che vive in perfetta armonia con la natura viene stravolto dall'apparizione
di un misterioso artefatto di ferro. Come sarà la convivenza tra gli abitanti e il nuovo “ospite”? Il
corto veicola un messaggio complesso attraverso gli strumenti dell’animazione, sorprendendo e
divertendo gli spettatori con ricchezza di invenzioni e ritmo incalzante.

Dalle 20, per circa un'ora, si apre la sezione "A due anni dalla rivoluzione", una sezione dedicata all'Egitto due anni dopo la rivoluzione che l'ha visto protagonista

Ore 20.00
Lontano da Tharir di Ernesto Pagano e Lorenzo Cioffi, Italia, 2012
Un viaggio nelle periferie del Cairo, in un Egitto rimasto lontano dai riflettori dei media, tutti
ostinatamente puntati sulla Piazza: col rischio di dimenticare che l'Egitto è un paese con tante
anime, molte delle quali rimaste ancora oggi senza una voce.

Ore 20.30
Street art in Cairo, Filippo Bacciocchi, Laura Cappon, Italia, 2012
L’esplosione della street art (graffiti) al Cairo durante il periodo della rivoluzione e la loro influenza
su altri generi di arti visive e sulla mobilitazione sociale.

Ore 20.40
Lady of the square, Adel Elgammal, Egitto, 2011
Il documentario offre una visione al femminile della rivoluzione egiziana. Siamo in Egitto, tra
Ismailia e Cairo, le due città protagoniste della rivoluzione. Gli eventi vengono raccontati da quattro
donne partecipano e vivono la rivoluzione in prima persona.


Dalle 21.15 si saranno proiettati i primi tre episodi della web series "Lettere Italiene

Ore 21.15
Presentazione della serata fiorentina del "Terra di Tutti film Festival" con Jonathan Ferramola,
direttore del TTFF e Fabio Laurenzi, presidente COSPE. Saranno presenti anche i registi, Gameil
Eid
, presidente di Anrhi (Arab Network for Human Rights Information) e Boubker Khamlichi,
Marocco, Presidente Red CHABAKA (Réseau des Associations du Nord du Maroc pour le
Développement et la Solidarité).

"Help me brother", 6 min. l'esperienza di HaniYi, studente cinese, che descrive dal suo punto di
vista sia i suoi omologhi italiani che i giovani cinesi delle nostre "Chinatown"

Oltre il velo”, 6 min
L’Italia raccontata attraverso il velo di una donna dal nome Regina;

L’importanza di sentirsi in armonia con l’universo” - 6 min.
la strana giornata di Ervin, un ragazzo albanese in quotidiano confronto con soggetti che ripetono
paradossali luoghi comuni.

Si finisce alle 22 con la proiezione del film a cui è andato il premio per la miglior produzione italiana al "Terra di tutti film festival 2012"

Ore 22.00
A mao e a luva – storia di un trafficante di libri”, Roberto Orazi, Italia, 2010
Una biblioteca per bambini su una palafitta sospesa sull’acqua. Comincia così il sogno, diventato
poi un grande progetto governativo, di Ricardo Gomes Ferraz che sacrificando le sue poche risorse
per 15 anni ha collezionato libri usati per il suo villaggio. Un modo per volare con la fantasia oltre
la povertà della favela Pina, a Recife.

Info: www.cospe.org e www.lettereitaliane. cospe.org e www.terradituttifilmfestival.org

Giulia Perroud