Home > Webzine > ''Interior. Leather bar'' di James Franco e Travis Mathews al cinema Odeon Firenze
venerdì 22 novembre 2019

''Interior. Leather bar'' di James Franco e Travis Mathews al cinema Odeon Firenze

07-11-2013

Giovedì 7 novembre, in occasione del Florence Queer Festival, si terrà la proiezione di "Interior. Leather bar" di James Franco e Travis Mathews al cinema Odeon di Firenze, in via degli Anselmi, alle ore 22.30. Il film, presentato al Sundance Film Festival 2013, è un omaggio al regista statunitense William Friedkin ed è un progetto nato come contributo a "Cruising" del 1980 con Al Pacino e Paul Sorvino. Nella versione definitiva di "Cruising", Friedkin tagliò quaranta minuti perché troppo spinti sessualmente. In "Interior. Leather bar", i registi proponogno una rilettura di quei quaranta minuti tra documentario, fiction e making of.
La pellicola sarà proiettata in replica venerdì 8 novembre alle 0.15.

Al cinema Odeon il programma inizierà alle 15.30 con "The legend of Leigh Bowery" di Charles Atlas, un documentario sulla breve e sfolgorante vita di Leigh Bowery (1961-1994), drag queen, stilista, club promoter, creatore di originali performance e punto di riferimento della scena culturale londinese degli anni ottanta.

Dalle 17 saranno proiettati tre cortometraggi: "Prora" di Stephane Riethauser, ambientato in una ex colonia nazista deserta sul Mar Baltico, "Whispers of Life" di Florian Halbedl in cui il potere dell'immaginazione sfida i pensieri di suicidio di un giovane vittima del bullismo e "Absence of Love" di Billy Gerard Frank basato sulla profonda alienazione dei giovani gay afro-americani.

Alle 18, il regista Fabiomassimo Lozzi presenterà due suoi lavori: il documentario "Nessuno è perfetto", sulle storie, i sogni, le confessioni, le gioie e le tragedie che raccontano i diversi modi di essere e vivere la sessualità trans e il corto "L’amore è una scarpa comoda" in cui il regista chiede ai partecipanti dell’EuroPride 2012 di Roma cosa significhi per loro la parola amore.

Alle 21, infine, sarà la volta di "The happy sad" di Rodney Evens: le storie di due giovani coppie di New York, una afro-americana e gay, l’altra bianca ed eterosessuale, si intrecciano e creano nuove norme di relazione.

Maggiori informazioni su: www.florencequeerfestival.it