Home > Webzine > ''12 anni schiavo'', il nuovo film di McQueen al Cinema Odeon Firenze
venerdì 22 novembre 2019

''12 anni schiavo'', il nuovo film di McQueen al Cinema Odeon Firenze

27-02-2014

Giovedì 27 febbraio 2014, alle ore 21.00, al Cinema Odeon Firenze (piazza Strozzi), verrà proiettatto "12 anni schiavo", uno tra i film più importanti della stagione, candidato a ben 9 Premi Oscar. Il nuovo film di Steve McQueen all'Odeon è l'occasione per riflettere sulle forme espressive di una delle figure più importanti nel panorama del cinema e delle arti visive contemporanee. Prima della proiezione del film (in esclusiva versione originale con sottotitoli, che sarà in programma  fino al 10 marzo) ci sarà una presentazione a cura di Marco Luceri (critico cinematografico, Odeon Firenze) e Riccardo Lami (critico d'arte, CCC Strozzina). I due critici dialogheranno su alcuni temi che percorrono la produzione artistica e cinematografica di McQueen: la rappresentazione del corpo, inteso soprattutto come veicolo e meta di violenza, la figura dell'eroe-antieroe nella società, la questione del «gender», l'utilizzo di diversi media e il sovrapporsi dei linguaggi, il rapporto dell'artista con lo star-system contemporaneo.
"12 anni schiavo" è ambientato nel 1841: Solomon Northrup (Chiwetel Ejiofor), un uomo di colore nato libero nel nord dello stato di New York, viene rapito e portato in una piantagione di cotone in Louisiana, dove è obbligato a lavorare in schiavitù per dodici anni sperimentando sulla propria pelle la feroce crudeltà del perfido mercante di schiavi Edwin Epps (Michael Fassbender). Allo stesso tempo, però, gesti di inaspettata gentilezza gli permetteranno di trovare la forza di sopravvivere e di non perdere la sua dignità fino all’incontro con Bass (Brad Pitt), un abolizionista canadese, che lo aiuterà a tornare un uomo libero.
Adattamento del romanzo omonimo e biografico di Solomon Northup, di cui il regista britannico contempla i dodici anni del titolo e affida alle didascalie conclusive la battaglia legale sostenuta e persa dall’autore contro gli uomini che lo hanno rapito e venduto, 12 anni schiavo sviluppa uno dei temi centrali del cinema di McQueen, ovvero lo svilimento progressivo del corpo sottomesso alla violenza del mondo. Dentro un affresco romanzesco e un infernale meccanismo kafkiano, un uomo dispera di ritrovare la propria libertà, rassegnandosi giorno dopo giorno alla schiavitù, sopportando torture fisiche e psicologiche sulla carne e nell’anima, che il padrone di turno vuole annullare.

Per informazioni: www.odeonfirenze.com

SM