Home > Webzine > What is cult: ''Easy Rider'' e ''Donne sull'orlo di una crisi di nervi'' al CineCittà cineclub
giovedì 14 novembre 2019

What is cult: ''Easy Rider'' e ''Donne sull'orlo di una crisi di nervi'' al CineCittà cineclub

01-04-2014

Martedì 1 aprile è in programma un nuovo doppio appuntamento al CineCittà cineclub di Firenze (via Pisana, 576) con il ciclo "What is cult" che presenterà fino al 30 aprile ogni martedì e mercoledì due proiezioni serali di pellicole culto della storia del Cinema.
Si comincia alle ore 20.30 la proiezione dell’epocale "Easy Rider" (1969), di Dennis Hopper con Peter Fonda, Jack Nicholson, Karen Black, Dennis Hopper.
Billy e Wyatt, con i serbatoi delle moto imbottiti di droga, attraversano il sud dell'America in cerca di fortuna. Arrestati per aver sfilato insieme a una banda senza l'apposito permesso, vengono aiutati da un avvocato che decide di unirsi alla loro avventura.
Road movie sceneggiato dai due interpreti principali, Peter Fonda e Dennis Hopper, e diretto da quest'ultimo, Easy Rider è un racconto sulla libertà, un viaggio che ha per meta il Carnevale di New Orleans, la festa della città sul grande Delta.
E stavolta è necessario un racconto amarissimo e crudele, che alla fine indigna senza parole, per denunciare lo squallore e la paura della provincia bianca e borghese del sud nel 1969. Una paura che si manifesta rozzamente nei confronti di qualsiasi minima e pericolosa traccia di diversità. Se a questo aggiungiamo l'evidenza di un grande cinema, in cui i paesaggi che cambiano, gli interpreti e la musica sembrano danzare all'unisono una ballata disperata senza scampo, allora, forse, diventa facile per lo spettatore riconoscere la presenza di una visione unica e irrepetibile nell'immaginario cinematografico.
A seguire alle ore 22.45 la proiezione del delizioso: "Donne sull'orlo di una crisi di nervi" (Mujeres al borde de un ataque de nervios) di Pedro Almodóvar con Carmen Maura, Antonio Banderas, Julieta Serrano, Rossy De Palma.
Storie di donne abbandonate in un appartamento da affittare nella Madrid di oggi. Farsa degli equivoci con lacrime che ha il dinamismo di un vaudeville francese, l'eleganza di una commedia sofisticata made in USA e la cattiveria sorniona di B. Wilder. In più il tocco inconfondibile di Almodóvar, il monellaccio del cinema spagnolo postfranchista. Libertario ed imperdibile.
Le proiezioni saranno tutte in pellicola 35 mm!
Info: www.cinecittacineclub.org

SM