Home > Webzine > ''My name is Joe'' di Ken Loach & ''Katyn'' di Andrej Wajda per la Cineteca al Caffè letterario Le Murate
martedì 12 novembre 2019

''My name is Joe'' di Ken Loach & ''Katyn'' di Andrej Wajda per la Cineteca al Caffè letterario Le Murate

21-07-2014

Prosegue l'appuntamento con Cineteca al Caffè letterario Le Murate, rassegna estiva che si svolge nel cortile dell'Associazione Robert F. Kennedy.
Lunedì 21 luglio verrà proiettato "My name is Joe" di Ken Loach (105', 1998). A Glasgow Joe, ex alcolista e disoccupato, allena una scalcinata squadra di calcio composta di improbabili atleti emarginati come lui, nella quale gioca l'amico Liam, sposato con una tossicodipendente. Grazie a lui, Joe s'innamora di un'assistente sociale ma, per saldare i suoi debiti con un boss della droga, si compromette in un traffico sporco. Dopo le trasferte in Spagna (Terra e libertà) e in Nicaragua (La canzone di Carla), Loach continua il suo affresco sociale dell'Inghilterra di fine secolo con un film (scritto da Paul Laverty, sceneggiatore di La canzone di Carla) che nella seconda parte ha cadenze di cinema d'azione per lui insolite.
Martedì 22 luglio sarà la volta di "Katyn" di Andrej Wajda (117', 2007). Il 17 settembre 1939 la Polonia viene invasa: a ovest dalle truppe di Hitler e a est dall'Armata Rossa. Tutti i graduati vengono portati in campi di concentramento e nella primavera del 1940, su espresso ordine di Stalin, 15.000 di loro vengono uccisi con un colpo alla nuca e seppelliti in fosse comuni nella foresta vicino a Katyn. I tedeschi scopriranno le fosse nell'aprile del 1943 ma i russi scaricheranno su di loro la colpa del massacro. Solo nel 1990 per la prima volta ammetteranno la responsabilità. Wajda, che a Katyn perse il padre, racconta la vicenda attraverso la storia di Anna. Al termine del conflitto, con la Polonia sotto l'influenza sovietica, una cortina di silenzio verrà fatta calare sull'accaduto e chi cercherà di sollevarla rischierà il carcere.
Entrambe le proiezioni inizieranno alle 21.30. Ingresso libero.

Per informazioni: www.lemurate.it

DM